Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Aprile - ore 19.30

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Giorno del Ricordo, Peracchini: “Le sofferenze per troppo tempo negate devono trovare oggi voce e memoria”

Il sindaco ricorda il Villaggio Nazario Sauro che sorse a Mazzetta per accogliere i profughi dell'esodo e ammonisce: "La politica non può lasciarsi andare a mere strumentalizzazioni ".

corona in piazzetta Martiri delle Foibe
Peracchini al Giorno del Ricordo 2020

La Spezia - In occasione del Giorno del Ricordo che vuole "conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale", il sindaco Peracchini ha depositato una corona in piazzetta Martiri delle Foibe alla presenza delle autorità politiche e religiose della città. "Il 10 febbraio deve essere il Giorno del Ricordo ma anche quello della conoscenza, come vaccino all’indifferenza, del disinteresse e della noncuranza che si nutrono sempre più spesso dell’ignoranza della storia e dei suoi eventi - ha detto il primo cittadino -. A tutte le vittime di quella persecuzione, ai profughi e ai loro figli, tutte le istituzioni oggi hanno rivolto un pensiero commosso e partecipe, perché la loro angoscia e sofferenze non devono mai essere dimenticate e perché rimanga un monito perenne contro tutti i regimi totalitari. Tra le tante testimonianze che mi sono pervenute in questi giorni, mi ha particolarmente colpito quella di un signore che ha ritrovato nelle pagine di un libro uno scritto della propria madre, esule di Dignano D’Istria e che ha vissuto al Villaggio Nazario Sauro della Spezia, dedicata alle future generazioni che definiva la storia degli italiani dei territori friulani e dalmati “figli della diaspora” e “orfani della propria storia”. Parole molto toccanti che rivelano la grande sofferenza di una della pagine italiane più drammatiche del Novecento che ha faticato per decenni a trovare il giusto spazio nella storia e nelle commemorazioni pubbliche".

Continua Peracchini: "Verso queste testimonianze e queste storie, per rispetto degli esuli e dei figli degli esuli, la politica non può lasciarsi andare a mere strumentalizzazioni ma doverosamente deve impegnarsi perché si mantenga viva la memoria di tutti gli esuli dei territori istriani, fiumani e dalmati e delle vittime delle foibe. In virtù del nostro impegno costante nel non dimenticare, nelle prossime settimane verrà ripristinato il cartello, modificato in chiave storica, che era situato proprio nel cosiddetto Villaggio Nazario Sauro, nel quartiere di Mazzetta, costruito con gli aiuti UNRRA e consegnato alla fine del 1954, assegnato quasi totalmente alle famiglie dei profughi dell’esodo delle terre d’Istria, Fiume e Dalmazia e dedicato alla memoria di Nazario Sauro, eroe della Grande Guerra e dell’Irredentismo Giuliano-Dalmata. Un simbolo, non una semplice indicazione, perché tutti sappiano che cosa esso rappresenta per la nostra Città. Inoltre ai giardini storici, vicino al monumento di Nazario Sauro, verrà realizzata una targa in marmo dedicata a tutti i caduti delle foibe e in particolare a quelli spezzini, come da richiesta dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia e dall’Unione degli Istriani - Libera Provincia dell’Istria in Esilio".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia






FOTOGALLERY




















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News