Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 19 Aprile - ore 22.16

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Europa Verde Liguria: "Perché Peracchini non chiede a Toti di negare l'intesa su Enel?"

Rispunta l'ipotesi idrogeno

La Spezia - In questi giorni il territorio spezzino è interessato dalle prese di posizione del sindaco "abitualmente silente" della Spezia, Peracchini, che si agita sulla centrale Enel e sulle prospettive di fuoriuscita dal carbone entro la fine del 2021 nonché sulla bonifica e il recupero delle relative aree.

Noi Verdi per Europa Verde ci chiediamo le ragioni di questa agitazione quando purtroppo le proteste del sindaco non sono rivolte oltreché al ministero anche alla medesima controparte politica regionale, che fino a poco tempo fa pareva disponibile ad assecondare le istanze di Enel.
Nel contempo vorremmo capire alcune cose:
- perché la quantità di energia individuata da Terna, quale produzione necessaria dal sito spezzino non è stata immediatamente contestata lo scorso anno non tanto nella quantità ma sull'origine, ribadendo unanimemente che La Spezia e il suo territorio hanno già pagato e stanno tuttora pagando un grave e pesante tributo dovuto alla situazione ambientale (Pitelli, arsenale militare...) in modo da considerare diverse ipotesi e luoghi?
- perché non si è sviluppata una proposta energetica che porti, ad esempio, la centrale a produrre idrogeno, derivato da fonti rinnovabili?
- perché non si è aperto un tavolo anche nazionale sull'utilizzo dell'area, che deve essere bonificata e posta al servizio della città, ribadendo che il tema della bonifica rimarrebbe comunque sempre attuale anche qualora la centrale dovesse cessare la produzione alla fine del 2021 e l'intera area fosse sottoposta a utilizzo di logistica portuale?

Come si vede sono molti i nodi che rimangono irrisolti e non basta un Ordine del giorno come ieri votato d'urgenza dalla destra che governa La Spezia per cambiare le cose poiché sembra più di assistere ad un po' di polvere tirata negli occhi di spezzine e spezzini che a una reale scelta per l'ambiente e per la rinascita della città e del suo territorio.
Infatti il nodo vero rimane: perché il sindaco della Spezia non chiede formalmente al presidente della Regione di non firmare l'intesa con lo Stato se e quando gli verrà sottoposta la pratica della riconversione della centrale a carbone della Spezia?

Europa Verde Liguria

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News