Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 27 Luglio - ore 13.57

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Bilancio, Peserico replica a Federici: "La giunta Peracchini ha messo i conti in sicurezza"

La partita dei Crediti di dubbia esigibilità
Giacomo Peserico

La Spezia - Anche l'assessore al Bilancio Giacomo Peserico interviene sulle pagine di CDS per alimentare il dibattito che si è innescato dopo le parole del sindaco Pierluigi Peracchini nella conferenza stampa per i quattro anni di mandato (leggi qui) e quelle del suo predecessore Massimo Federici (leggi qui).

"I numeri del bilancio spesso non suscitano un immediato e facile interesse, ma non avere i conti a posto può portare al commissariamento di un ente e in tal caso i primi a rimetterci sono proprio i cittadini. L’imposizione fiscale viene portata al massimo consentito dalla legge e, quando questo non basta, si passa al taglio sia dei servizi sia degli investimenti per contenere i costi. Non perderò mai occasione per rivendicare quanto fatto a tal proposito da parte della giunta Peracchini che ha evitato al Comune della Spezia il rischio di un dissesto finanziario. Abbiamo ricevuto un bilancio in salute da chi ci ha preceduto? Assolutamente no, anzi i conti presentavano criticità evidenti, che proverò a spiegare", esordisce Peserico.

"Dal 2007 al 2017 se da un alto il Comune della Spezia aveva ridotto l’indebitamento da 80 a 45 milioni di euro, dall’altro non aveva, però, affrontato in modo risolutivo il problema dei crediti di dubbia esigibilità (Cde). Tra le entrate a bilancio, infatti, risultavano esserci troppi crediti vecchi (multe, tasse, canoni di locazione... non pagati) con possibilità quasi nulle di essere riscossi. Nel 2015 - ricorda l'assessore Peserico - le novità normative hanno imposto anche al Comune della Spezia di dover prendere in considerazione questa criticità. Emerse una situazione molto complicata per il nostro Comune che risultò essere in disavanzo per circa 14 milioni di euro. Nel fare ciò, però, nonostante la raccomandazione da parte della della Corte dei Conti nel 2016, fu utilizzato un metodo di calcolo semplificato anziché quello ordinario con conseguente disavanzo sottostimato.
Cosa ha fatto la giunta Peracchini?
Non appena insediata nel 2017 ha affrontato questa criticità di petto, mettendo il bilancio in sicurezza.
Come ha fatto?
Ha promosso una lotta all’evasione spingendo sul recupero delle morosità con ottimi risulti fino ai primi mesi del 2020 quando a causa della pandemia la riscossione coattiva è stata sospesa per legge.
Nel 2019 ha poi effettuato un nuovo accertamento straordinario dei Cde utilizzando il metodo di calcolo ordinario come previsto dalla normativa ed è stato fissato il valore reale del disavanzo a circa 22 milioni di euro.
L’obiettivo della messa in sicurezza del bilancio è stato raggiunto, ma questa operazione non è stata indolore.
Fino al 2044 ogni anno il nostro Comune dovrà destinare circa 1,1 milioni di euro al recupero del disavanzo anziché spenderli in strade, marciapiedi e scuole.
L’aver accumulato troppi Cde, fatto causato da una passata inefficace azione di recupero delle morosità, comporta anche che ogni anno dobbiamo accantonare alcuni milioni euro (più di 6 nel 2021) che quindi vanno ad aumentare le finanze che non possono essere spese per servizi e per opere pubbliche a favore dei cittadini.
In fine la condizione di ente in disavanzo non consente nemmeno di poter utilizzare l’avanzo di amministrazione dell’anno precedente. Significa che dei 3,8 milioni di euro avanzati nel 2020 il Comune della Spezia nel 2021 può utilizzare solamente 1,1 milioni di euro. La differenza va ad accelerare il recupero del disavanzo di 22 milioni.
Di fatto un Comune in disavanzo ha meno soldi da spendere rispetto agli altri.
Pertanto è vero che si deve guardare avanti, ma al tempo stesso chiunque governi il nostro Comune fino al 2044 dovrà fare i conti con il passato, con chi ha accumulato una montagna di Crediti di dubbia esigibilità”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









VIDEOGALLERY

















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News