Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 15 Giugno - ore 21.05

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Saliceti, per Peracchini è scontro politico non tutela del territorio"

Così i consiglieri provinciali del centrosinistra valutano la presentazione a sorpresa dell'ordine del giorno da parte del presidente.

L'opposizione

La Spezia - "Il consiglio provinciale di venerdì ha dimostrato, finalmente, che la materia ambientale e quindi il tema del biodigestore, è argomento di competenza anche provinciale. Il presidente Peracchini, seppure limitando la discussione, ne ha dovuto prendere atto ed è corso ai ripari presentando un documento in cui fa un grande passo indietro rispetto al consiglio provinciale precedente, trattando e proponendo un documento riguardante il delicato tema (è chiaro che dopo anni e ogni tipo di sollecitazione da parte della politica, dei cittadini e dei comitati il presidente è costretto a frenare per evitare perdita di consenso in vista delle elezioni e spaccature tra la sua maggioranza)". Lo affermano i consiglieri provinciali di opposizione Simone Regoli, Dina Nobili, Massimo Lombardi e Giacomo Cappiello, facendo riferimento al documento approvato nel corso dell'ultima seduta del consiglio provinciale spezzino (leggi qui).

"La nostra astensione - proseguono i consiglieri di centrosinistra - è figlia di una non conoscenza del documento, che è stato presentato a sorpresa in consiglio dal presidente, allo scopo di spiazzare la minoranza (naturalmente, ad oggi non ci è stato ancora fornito - come se lo scopo principale fosse vincere lo “scontro politico” e non la tutela del territorio). Evitando, quindi, inutili ulteriori polemiche riteniamo comunque la trattazione della materia un piccolo passo indietro della maggioranza provinciale sulla volontà di realizzazione dell'impianto; speriamo altresì che la maggioranza stessa abbia compreso che la bagarre, su questi argomenti, non paga e siamo altrettanto consapevoli che la battaglia è ancora lunga. Chiederemo copia del documento approvato, lo analizzeremo e chiederemo nuovamente la convocazione delle commissioni".

I consiglieri di minoranza concludono evidenziando quanto richiesto durante il consiglio provinciale: "Stralcio e abbandono dell'attuale progetto, ripartire da zero con la Vas e tutte le procedure previste dalla legge per permettere una discussione partecipata e condivisa sulla scelta del sito, della tecnologia degli impianti, quantità rifiuti e loro provenienza e importo delle tariffe (discussione che, ad oggi, non è mai stata fatta)".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News