Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 23 Luglio - ore 23.01

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Marina Militare firmi convenzione con Ispra per controlli su demolizioni navali"

Il sindacato chiede un inventario dei materiali pericolosi presenti a bordo con lo scopo di assicurare una migliore tracciabilità dei rifiuti derivanti dalla demolizione.

Palazzo della veleria

La Spezia - Il sindacato FLP-Difesa ha scritto alla Commissione Ambiente e Lavoro del Comune della Spezia, proponendo di avviare tutte quelle procedure utili affinchè anche la Marina Militare, come l'Esercito Italiano, sottoscriva una convenzione con l'ISPRA per garantire tutte quelle attività di controllo sulle demolizioni navali all'interno dell'Arsenale spezzino. "Sebbene in Italia il settore del riciclaggio e delle demolizioni navali abbia migliorato i propri standard di sicurezza - incalza il segretario provinciale Flp Difesa Ilio Bonomi -, chiediamo all'istituzione Comunale spezzina e ai diversi livelli di responsabilità politica, che si faccia parte dirigente allo scopo di garantire che le navi all’interno dell’Arsenale spezzino siano demolite nel rispetto della salute dei lavoratori, dei cittadini e dell'ambiente. Per questo motivo sarebbe utile chiedere alla Marina, partendo dai livelli di responsabilità locali, un inventario dei materiali pericolosi presenti a bordo con lo scopo di assicurare una migliore tracciabilità dei rifiuti derivanti dalla demolizione e che gli eventuali materiali pericolosi presenti a bordo siano gestiti in modo compatibile con l'ambiente".

Per ottenere tutto ciò è però necessario che esista una figura di controllo competente al quale affidare tutte quelle attività di garanzia, con personale specializzato che salvaguardi e tuteli l’ambiente senza rischi, come ad esempio l’ISPRA con le sue articolazioni, che il 18 aprile di quest’anno ha firmato a Roma un accordo quinquennale di collaborazione con l’Esercito italiano relativo al monitoraggio, sorveglianza e protezione ambientale: "Riteniamo che, anche nell’ambito delle demolizioni navali, la definizione di un simile accordo possa quanto meno portare maggiori tutele e garanzie, anche in ragione delle problematiche e delle difficoltà evidenziate dagli Enti di controllo ed emerse nel corso delle precedenti audizioni, durante le quali sia Arpal che ASL spezzine sembrano aver espresso problemi di competenze nei controlli sulle navi militari, rimandando la responsabilità di detti controlli solo alla vigilanza interna dello stabilimento militare, nella consapevolezza che debba essere confermato e realmente praticato l’effettivo e preventivo coinvolgimento delle diverse rappresentanze dei lavoratori, come previsto dalle vigenti norme di legge e dai contratti collettivi di lavoro".

Infine si ribadisce il no alla trasformazione dell’Arsenale in un polo della demolizione navale: "Nell’immediato e nelle more della definizione di un vero e proprio accordo analogo a quello sottoscritto con l’Esercito Italiano, riteniamo indispensabile che venga posta in essere una collaborazione con l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale e le sue articolazioni sul territorio, regionale o locale, con lo scopo anche di nominare un Garante dell’autorizzazione integrata ambientale, per vigilare sull’attuazione delle disposizioni di legge promuovendo, altresì, anche in accordo con le istituzioni locali, iniziative di informazione in materia ambientale finalizzate ad assicurare la massima trasparenza per i cittadini, in conformità della Convenzione di Aarhus del 25 giugno 1998 (resa esecutiva con legge 16 marzo 2001, n. 108)".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









VIDEOGALLERY

















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News