Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 05 Agosto - ore 22.46

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Il no alla centrale a gas sia votato in consiglio regionale"

Intervento del coordinamento provinciale di Articolo Uno La Spezia.

"Idea sbagliata... due volte"

La Spezia - Il Governo vuole cambiare il Green Deal proposto dalla Commissione europea, ideato per ridurre in Europa le emissioni del 55% di CO2 entro il 2030 e azzerarle entro il 2050. Lo dicono gli organi di informazione legati alla produzione automobilistica.
Il meccanismo dell' Ets (Emission trading scheme) prevede che si paghino circa 50 dollari per ogni tonnellata di CO2 emessa. Un provvedimento pensato dalla Commissione europea per incentivare il rapido passaggio dai combustibili fossili alle fonti rinnovabili, ma che penalizzerà chi, come l' Italia, progetta di usare il gas naturale (che è sempre fossile) come misura tampone per uscire dal carbone. Ma, viste anche le indicazioni Europee e perfino le scelte degli USA, resta sbagliata la scelta del metano (ancora un combustibile fossile) invece di una politica forte sulle energie rinnovabili. La proposta sbagliata dell' Enel, in questo quadro, è quello di sostituire alla Spezia il carbone con una nuova centrale a gas naturale. La scelta di usare il metano al posto del carbone fu fatta dal governo Gentiloni con ministro dell' industria Carlo Calenda. La centrale a gas alla Spezia è sbagliata due volte: 1) perché si costruisce una nuova centrale nel perimetro urbano, in un territorio (con un negativo effetto conca) che per 60 anni ha già avuto un centrale elettrica; 2) per i motivi generali per cui la commissione europea disincentiva l'uso del gas naturale. Per tali motivi apprezziamo che la terza e la quarta commissione del consiglio regionale abbiano votato (con solo 3 astensioni) un documento che impegna il Presidente della Giunta regionale a dire No all' intesa con il governo per la centrale a gas. Riteniamo utile, per marcare ancora di più l'impegnativa che la risoluzione chiede, che sia votata tale risoluzione anche dal Consiglio regionale. Un organismo importante il Consiglio, anche per statuto, per dare forza a un confronto Governo e Regione che sarà duro. Se sono tutti d' accordo (tranne i tre astenuti) si approva in quattro e quattr'otto come sarebbe necessario. Bisogna inoltre che la Giunta regionale presenti progetti alternativi sulla transizione ecologica da utilizzare con i finanziamenti del PNRR. La variante urbanistica che non prevede centrali elettriche a Vallegrande è già stata adottata dal Consiglio Comunale della Spezia ma per approvarla ci vuole anche il voto positivo della Regione. Anche questo atto va fatto urgentemente.

Il coordinamento provinciale di Articolo Uno La Spezia

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




FOTOGALLERY






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News