Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 28 Luglio - ore 22.32

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Panoramica sulle banche spezzine: "Meno filiali e dipendenti in calo"

Il monitoraggio della First Cisl. "Sempre meno occupati in Crédit Agricole, nessun effetto dopo incontro di fine 2020".

"Otto comuni senza sportelli"
Panorama della città

La Spezia - Alla luce dello scenario pandemico, il settore bancario, dal punto di vista occupazionale, ha retto meglio di altre realtà. Ma il 2020 è comunque stano un anno di contrazione, che non ha risparmiato lo Spezzino. Lo rileva la First Cisl locale, segnalando, per lo scorso anno, “la diminuzione di ben 28 dipendenti bancari e la chiusura di 6 filiali” spezzine (su 36 chiuse a livello regionale), tutte nel territorio comunale del capoluogo. Questo non è che il dato di partenza del del monitoraggio 2020 dell'Osservatorio sul credito del sindacato. “Crédit Agricole Italia – si legge nel report -, nella quale la locale Cassa di Risparmio è confluita nel luglio del 2019, è la realtà che ha contribuito maggiormente a questo saldo negativo, abbassando la saracinesca in ben 5 succursali su 16 sulla piazza della Spezia, dismettendo l’agenzia I di via Fontevivo (aperta nei primi anni del 2000), la L nel quartiere di Mazzetta (inaugurata nel dicembre del 1991), l’agenzia del Muggiano e dell’Ospedale Civile (inaugurate entrambe il 1° giugno 1978) e lo sportello all’interno dell’Arsenale Militare, aperto nell’estate del 1976 e attivo per quasi 45 anni. L’altra chiusura nel capoluogo è da ricondurre a Banca Carige che ha dismesso la propria filiale nel quartiere della Chiappa, portando la propria presenza in città a sole 3 succursali. Pertanto solo 103 filiali bancarie rappresentano oggi l’intera realtà creditizia spezzina, il numero più basso mai raggiunto almeno dal 1995 ovvero da quando la First Cisl ha creato il suo Osservatorio locale sul credito. Se si considera poi che tra le 103 succursali attualmente autorizzate da Banca d’Italia ad operare in provincia una decina di fatto non sono contabilmente autonome, bensì agiscono come semplici 'satelliti' della filiale a cui fanno riferimento, sette non operano ad attività piena, ma si limitano al business in cui sono specializzate (crediti personali, private, corporate, etc) e che due sportelli, pur avendo mantenuto le autorizzazioni di Bankitalia e risultando nei suoi archivi pubblici, sono in realtà chiusi dal 2019 (la filiale di Romito di Crédit Agricole Italia e una filiale spezzina di Intesa Sanpaolo), la bancarizzazione effettiva del territorio risulta ancora più ridotta”.

I lavoratori dipendenti delle aziende bancarie in provincia, rileva poi l'Osservatorio, sono diminuiti in un anno di 28 unità, scendendo da 836 a 808. “Allargando poi, come di consueto – si legge -, il monitoraggio al settore contrattualmente affine della Riscossione Tributi, dobbiamo purtroppo rilevare l’ulteriore perdita di due posti di lavoro all’interno dell’unico concessionario rimasto in provincia all’interno di quell’area contrattuale, l’Agenzia delle entrate-Riscossione, dove negli ultimi dodici mesi si sono registrati un pensionamento ed un trasferimento che hanno portato l’organico a 32 occupati, numero destinato inesorabilmente a scendere se, come sta accadendo ormai da 10 anni, l’azienda non darà corso ad un piano di nuove assunzioni. E nel corso del 2020 si è finalmente chiusa con esito positivo la vicenda del ricorso che la Dirpubblica (sindacato dei dirigenti dell’Agenzia delle Entrate) aveva promosso nel 2017 affermando la illegittimità costituzionale del passaggio dei dipendenti da Equitalia SpA ad Agenzia delle entrate- Riscossione senza soluzione di continuità, ossia senza effettuare un concorso pubblico e mettendo in discussione la stessa validità della trasformazione di Equitalia in Ente pubblico. Il Consiglio di Stato ha rigettato definitivamente il ricorso ribadendo la carenza di legittimazione attiva e di interesse ad agire. Il numero globale dei lavoratori del settore “finanziario” è sceso pertanto a 840, dato che rappresenta come negli ultimi 20 anni nella provincia spezzina si siano dispersi ben 400 occupati (erano 1239 nel 2001). Questo dato, che per il settimo anno consecutivo resta ben sotto il livello del migliaio, è anche un chiaro indicatore delle difficoltà in cui versa la nostra economia ed il nostro contesto lavorativo in provincia”.

Esaminando i dati disaggregati per singole aziende, si osserva che cinque banche hanno incrementato il proprio personale. Si rileva infatti l’aumento di quattro addetti in Banca Carige ed in Credem e di una risorsa a testa in Popolare di Sondrio, Che banca! e Deutsche Bank. In altri otto istituti di credito si è invece verificata una diminuzione: due dipendenti in meno per Banco BPM, Unicredit e nella BCC Versilia Lunigiana Garfagnana (BVLG), 4 in BNL, 5 in UBI Banca, Intesa Sanpaolo e Monte Paschi e 13 in Crédit Agricole Italia. Dato, quest'ultimo, che Firt Cisl riconduce tra “gli effetti della incorporazione della locale Cassa di Risparmio della Spezia nella ex Cariparma, ora denominata appunto Crédit Agricole Italia, che si fanno sentire maggiormente tra gli occupati negli uffici della Sede di Piazza Beverini, già drasticamente calati e destinati inevitabilmente ad 'estinguersi' nel giro di pochi anni alla luce della totale mancanza di turn-over. In questo senso la First Cisl, assieme agli altri sindacati aziendali, si è fatta promotrice di iniziative volte a sensibilizzare l’azienda affinché collochi alla Spezia la sede di un centro servizi/polo specialistico che possa garantire anche nel futuro opportunità lavorative e prospettive per i giovani del nostro territorio, al pari di quanto fatto con altre città sedi di banche poi acquisite dalla capogruppo. A fine 2020 si è svolto anche un incontro su questo tema, che ha visto il coinvolgimento anche dei Sindacati confederali locali, col Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini e col Presidente della Fondazione Carispezia Andrea Corradino, azionista di minoranza di CA Italia, che però al momento non ha sortito alcun effetto. Rispetto alla fotografia di inizio 2019 il numero di occupati di Crédit Agricole in provincia è sceso già di circa 50 unità”.

Il rapporto tocca anche il tasto della bancarizzazione del territorio. Si legge che in provincia abbiamo “quasi una agenzia ogni duemila spezzini, cioè un indice di 0,47 sportelli ogni mille abitanti, mentre in Italia questo valore è 0,40. La conferma si ha anche nel numero medio di sportelli per comune (3,22), che alla Spezia, nonostante tutto, continua ad essere migliore del dato nazionale (3). È interessante notare come la bancarizzazione spezzina si presenti assai diversificata sul territorio, sia analizzandola per singolo comune che aggregandola per bacino socio/economico. Il dato più eclatante è che ben otto comuni, 7 nella Val di Vara ed uno nella Riviera, risultano del tutto sprovvisti di filiali bancarie. Si presenta poi assai disomogenea la distribuzione degli sportelli nei restanti 24 comuni. Con un indice di 2,58 filiali ogni mille residenti Vernazza, gioiello delle Cinque Terre, supera di gran lunga Castelnuovo Magra che, pur vantando una buona economia agricolo/artigianale, risulta però fanalino di coda in questa classifica con 0,12 sportelli ogni 1000 residenti. Anche nel riepilogo per distretti si nota come le aziende bancarie abbiano privilegiato l’investimento nelle località turistiche della Riviera. Questa zona, infatti, con un indice di bancarizzazione dello 0,99 possiede in pratica uno sportello ogni mille abitanti, oltre il doppio rispetto allo 0,41 della Val di Magra, nonostante essa comprenda il più forte comprensorio produttivo della intera provincia. La Val di Vara (0,47) e il comune della Spezia (0,44) mostrano infine indici superiori al valore nazionale, sebbene nel capoluogo sia calato di quasi un decimo di punto in un solo anno (a causa delle 6 chiusure avvenute nel 2020)”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









VIDEOGALLERY

















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News