Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 14 Aprile - ore 22.23

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Oltre un quinto delle abitazioni spezzine è nato prima del 1919

Il periodo di più intensa edificazione sono stati gli anni Sessanta.

I dati di Eurostat
Panorama da Via Carso

La Spezia - Rimettere in moto l'economia andando a svecchiare il patrimonio edilizio italiano: questo il principale obbiettivo del cosiddetto ecobonus 110, che guarda in particolare a lavori di miglioramento energetico e ambientale. Caldaie, cappotti, pompe di calore, fotovoltaico e così via. Aspetti in merito ai quali immobili stagionati hanno probabilmente molto da imparare. Ma quanto è vecchio il patrimonio edilizio nazionale? La situazione, desumibile da dati Eurostat ben affrontati dal Sole24Ore, è abbastanza variegate. La maggior parte degli immobili dell'Italia centrosettentrionale risale a prima del 1919, benché in alzune zone del nord dominino le costruzioni anni Sessanta. In molte aree del sud si è costruito invece negli anni Settanta. Ci sono poi casi particolari come quello delle zone terremotate, dove giocoforza ci si trova di fronte a un recente ricostruito. Nel resto d'Europa gli Stati con case e palazzi più antichi sono Regno Unito e Francia, assieme ad alcune zone dell'ex Germania Est.

E nella nostra provincia, quale è la situazione? Circa 28.500 edifici risalgono a prima del 1919 e un 21.400 al periodo 1920-1945. Ben 22mila sono stati edificati nel quindicennio successivo al secondo conflitto mondiale e addirittura 25.300 sono stati tirati su dal 1961 al 1970. Negli anni Settanta invece si costruito meno: siamo sui 15.600 edifici. Negli anni Ottanta lo spezzino conta un po' meno di 8mila edificazioni, negli anni Novanta si scende a 5.600. La rilevazione riferisce poi di circa 3mila costruzioni nel primo lustro del nuovo millennio e di 3.400 abitazioni sorte dopo il 2006. Si evince quindi che, da un lato, il decennio con più immobili residenziali edificati, nello Spezzino, è stato quello 1961-70, con numeri maggiori rispetto al pur 'prolifico' quindicennio immediatamente successivo al dopoguerra. E ancora, il 21.5 per cento del residenziale provinciale ha visto la luce prima del 1919, scontando quindi oltre un secolo di vita. E quasi il 37 per cento del patrimonio esistente è spuntato prima della fine della seconda guerra mondiale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News