Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 29 Luglio - ore 09.48

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

L'ex mensa San Giorgio come spazio di coworking per la nautica

Gli Industriali spezzini lanciano l'idea e sono alla ricerca di adesioni da parte delle imprese del comparto interessate. La progettazione è a cura dello studio Manfroni. Il presidente Gerini: "Sostegno per un settore strategico".

La proposta di Confindustria
Il possibile riutilizzo della ex mensa San Giorgio

La Spezia - L'ex area mensa dell'ormai ex San Giorgio potrebbe diventare il primo esempio italiano di spazio dedicato al coworking per le aziende della cantieristica nautica. Una proposta lanciata da Confindustria La Spezia e rivolta alle piccole e le medie aziende del comparto nautico e navalmeccanico con l’obiettivo di favorire una maggiore integrazione e sinergia fra le grandi imprese committenti del territorio e le molte micro/piccole dell’indotto di riferimento, con il fine ultimo di migliorare e ottimizzare i processi produttivi.

L’iniziativa, sviluppata in collaborazione con Seraco, si pone l’obiettivo di rendere disponibile alle associate il fabbricato industriale di circa 5.700 metri quadrati di superficie coperta, con un piazzale esterno pari a circa 1.500 metri quadrati. L'edificio è in buone condizioni, libero e rappresenta un esempio di archeologia industriale che può ancora dire molto in termini economici.
Lo studio MMAA – Studio Manfroni & Associati, in questa fase ha predisposto varie soluzioni di suddivisione degli spazi interni, ma tutte prevedono aree produttive su due piani, con la presenza per ognuna di un locale magazzino/lavorazioni, zona ufficio, servizi igienici e spogliatoi, oltre a parcheggio e posto auto.
La novità della proposta, pertanto, è quella di mettere a disposizione delle aziende superfici attrezzate da affittare in funzione delle loro necessità, uscendo dallo schema classico dell’iniziativa immobiliare finalizzata alla compravendita.

Confindustria in questa fase si propone quindi di raccogliere dalle aziende un riscontro di potenziale interesse, andando conseguentemente a definire il modello operativo e organizzativo più adeguato.
"Il progetto - spiegano da Via Don Minzoni - ovviamente non si pone in concorrenza con altre opportunità immobiliari, infatti, non si vuole limitare all’offerta sul mercato di spazi produttivi, ma ha l’ambizione di creare un luogo fisico “innovativo” destinato a raccogliere le capacità professionali legate alle specificità territoriali, che vanno dalla progettazione alla produzione, favorendo e stimolando possibili condivisioni, collaborazioni e sinergie tra imprese e professionisti operanti nell’ambito della stessa filiera". A differenza di quanto accade in altre tipologie di esperienza, oltre agli spazi, potranno essere messi in condivisione anche macchinari a controllo numerico o per la verniciatura, in volumi che hanno un'altezza massima di 12 metri e dunque consentono anche l'utilizzo di carri ponte.
Questa nuova proposta è l’evoluzione di quanto già emerso in occasione del “Progetto Sviluppo Indotto” (2016 – 2018) realizzato dalla Confindustria spezzina in collaborazione con i più importanti committenti della provincia, allo scopo di favorire la crescita delle micro e piccole imprese attive nel loro indotto.
Nello specifico, rispetto al settore della nautica, tra le problematiche allora riscontrate dalle associate appartenenti alla catena di fornitura, era emersa anche una difficoltà nel trovare spazi e possibilità di insediamento, anche temporaneo, vicino ai grandi cantieri presso i quali erano impegnate.
L’aspirazione, oggi, è rispondere a questa esigenza: creare una catena di fornitura qualificata “a Km 0” che posa fornire le condizioni ambientali utili a sviluppare possibili sinergie e collaborazioni, con tutte le evidenti e positive ricadute che questo potrebbe generare per l’economia delle aziende coinvolte e per il territorio.

In considerazione della portata innovativa dell’opportunità messa a disposizione delle aziende, con la collaborazione di Gabriele Ruffolo, amministratore unico della società proprietaria dell’immobile, Confindustria ha attivato positivamente i primi contatti a livello istituzionale necessari per sostenere le piccole imprese che fossero interessate.
Il presidente di Confindustria Mario Gerini, affiancato dal direttore Paolo Faconti, sottolinea che l’associazione “con la destinazione dell’ex capannone San Giorgio alle aziende della filiera conferma quanto ritenga strategico il comparto della nautica per il futuro della nostra provincia. Da tempo siamo fortemente impegnati nel sostenere questo comparto, sia riguardo alla più recente iniziativa del Comune capoluogo relativa al progetto “Miglio Blu”, sia nel creare le condizioni affinché il locale Distretto della nautica si consolidi anche nelle fasi post-vendita, diventando, quindi, polo nazionale delle attività di riparazione e manutenzione delle unità da diporto, anche di grandi dimensioni. Con l’iniziativa che oggi presentiamo ci prefiggiamo di fornire un concreto contributo verso questi obiettivi, rispondendo alle molteplici sollecitazioni pervenute dalle piccole e medie aziende associate e non associate. Da qui la proposta che Confindustria desidera fare arrivare ad ogni azienda interessata della nostra provincia e non solo. In questa fase è per noi fondamentale raccogliere le segnalazioni da parte di tutte le imprese che avessero la necessità di individuare nuovi spazi utili all’ottimizzazione del loro processo produttivo. Solo questo, infatti, ci può consentire di rilevare la reale entità di questa tipologia di esigenza, così da poter avviare da subito tutte le azioni indispensabili a raggiungere gli obiettivi di questo progetto”.

Per ogni informazione e per segnalare la propria esigenza, gli uffici dell’Associazione sono disponibili: referente Dott. Luca Cardini cardini@confindustriasp.it tel: 0187725203.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

La localizzazione dell'area e dell'edificio individuati


Notizie La Spezia









VIDEOGALLERY

















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News