Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 27 Luglio - ore 22.36

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Il turismo riparte, ma è troppo presto per cantare vittoria

Punto con le associazioni di categoria del territorio con la ripartenza della stagione turistica: gli italiani si fermano una notte in più, qualche preoccupazione per la nautica e per gli arrivi d'oltreoceano si fa caso alla variante Delta.

occhi aperti
Turisti

La Spezia - Volti più distesi ma per uscirne la strada è ancora lunga. I segni della normalità, che sembrano a un passo, fanno stare con le orecchie tese gli operatori del turismo che soprattutto nei fine settimana accolgono un discreto numero di visitatori. La stagione sta comunque partendo e se la variante Delta rimarrà contenuta potrebbe tornare l'ondata americana. Ma con il Covid 19, si sa, ormai non c'è nulla di certo.
Quindi, si prende il buono e si rimane sempre aggiornati. Dagli stabilimenti alle strutture alberghiere, con un'occhiata all'extra, notano un buon movimento ma la prudenza è massima. Si inerisce però una piccola novità, i soggiorni del fine settimana si allungano e i pernottamenti in alcuni casi arrivano anche a tre notti.
A confermare che è ancora presto per cantare vittoria sono i rappresentanti del settore turismo delle associazioni di categoria Cna, Confesercenti, Confartigianato e Confcommercio.
Da Confartigianato Antonella Simone e Gianluca Giannecchini spiegano: "Diverse strutture non sono ancora a pieno regime, ma le prenotazione stanno arrivando. Questo è un buon punto di partenza e per settembre i movimenti sembrano essere più interessanti. Anche le guide turistiche hanno una serie di prenotazioni per settembre e ottobre. Si lavora molto con i singoli. In parte, la nostra cartina tornasole, è il point che gestiamo al Molo".
"Il pubblico straniero resta quello di prossimità - proseguono -. In ogni caso, il turismo è concentrato ancora con gli ospiti che arrivano dalle regioni limitrofe. Gli alberghi hanno un maggior flusso nel fine settimana, il pubblico è per la maggior parte italiano. L'infrasettimanale ancora non decolla del tutto. Dalle Cinque Terre c'è movimento per settembre e ottobre. Sui gruppi e le crociere aspettiamo la programmazione dell'anno prossimo, quindi per il 2022. L'aspetto positivo resta che gli italiani ripongono grande fiducia nel territorio: gli arrivi sono da tutta la Penisola e da zone in passato inaspettate. La media dei pernottamenti è sulle tre notti".
Da Lorenzo Servadei di Confcommercio turismo un'analisi a tutto tondo: "Gli stabilimenti balneari stanno lavorando, dal lunedì al venerdì non si raggiunge ancora la capienza massima. Sugli alberghi, in città, siamo ancora un po' indietro ma non dobbiamo dimenticare che per gli italiani non è ancora il momento della vacanza, gli stranieri sono pochi e le limitazioni sono ancora molte. Dunque, una fetta di potenziali turisti manca. Sono incoraggianti i segnali che arrivano dalle Cinque Terre perché su agosto e settembre arrivano le prenotazioni dagli Stati Uniti in coda alla stagione".
Un ragionamento sulla nautica arriva da Valentina Figoli: "Le strutture alberghiere stanno ripredendo il lavoro, alle Cinque Terre si guarda più al futuro. C'è però più preoccupazione nel settore nautico -turistico che non sta andando come si sperava. Giugno è stato un mese lento e non hanno prenotazioni a lungo termine. In parte è un settore che vive molto di più alla giornata ed è più complesso prevedere quello che potrà succedere. Dal nostro punto di vista per gli stabilimenti balneari alle Cinque Terre si registra il pienone nei fine settimana, mentre zone come Marinella e Lerici dove è forte la stagionalità lavorano in maniera costante".
Per Eugenio Bordoni di Confesercenti e responsabile del settore turismo ci sarà da porre molta attenzione a come si comporterà la variante Delta: "I turisti d'oltreoceano arriveranno verso la fine di agosto, però è tutto molto fragile. Negli ultimi giorni la diffusione della Delta, ha fatto congelare delle trattative anche con gruppi storici. Rispetto all'anno scorso la stagione è cominciata prima e con una composizione sbilanciata con gli italiani. Possiamo dire però che la quota degli europei di vicinanza è passata ad un 25 per cento. La concentrazione sui week end è sempre stata molto forte sia per l'alberghiero che per l'extralberghiero".


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









VIDEOGALLERY

















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News