Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 14 Giugno - ore 16.37

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

I lavoratori Pa: "Pronti a manifestare ogni giorno sotto il Comune"

Dopo lo stato di agitazione sindacale i lavoratori della Pubblica assistenza della Spezia e una rappresentanza di Lerici si sono uniti in presidio sotto a Palazzo civico. Fp Cgil e Cisl Fp: "Oggi primo passo, Ente non va fatto naufragare".

Legge servizi funebri
Pubblica assistenza in predisio davanti al Comune della Spezia

La Spezia - Pubblica assistenza in presidio permanente davanti a Palazzo civico. Nuova tappa delle mobilitazioni per la modifica della legge regionale sui servizi funebri questa mattina alla Spezia, alla quale hanno partecipato Fp Cgil, Cisl Fp, dipendenti e volontari della Pubblica assistenza della Spezia e una rappresentanza della Pa di Lerici.
Dopo la proclamazione dell'agitazione sindacare, avvenuta nei giorni scorsi, supportati dalle delegazioni sindacali le donne e gli uomini a servizio della comunità scendono in piazza, in vista dell'audizione di oggi pomeriggio della modifica della legge, al momento proposta dai consiglieri di opposizione Natale, Centi e Ugolini. Un iter che si annuncia complicato ma che se passasse oggi al termine delle audizioni approderebbe in consiglio regionale.
Il presidio di oggi, partito alle 11 e proseguirà fino alle 16.30, è solo una tappa dello stato di agitazione intrapreso, in accordo con i lavoratori, dai sindacati.
Marzia Ilari di Fp Cgil ha ribadito: "L'auspicio è che la discussione di oggi porti la modifica della legge in consiglio regionale. Ma è chiaro, non ci fermeremo qui. Andremo avanti con tutto ciò che è in nostro potere per garantire la sopravvivenza di quest'ente che da risposte non solo ai cittadini, ma che fa anche da calmiere del mercato e che non può sparire. La vera battaglia sarà in consiglio regionale e noi siamo pronti a partire e a manifestare anche a Genova per spiegare le nostre ragioni".
Fabio Cidale di Cisl Fp ha aggiunto: "Anche dalla commissione Sanità che si è tenuta nei giorni scorsi in Comune alla Spezia il parere dei consiglieri è unanime: questa legge va cambiata. La Pubblica assistenza è fondamentale perché è una realtà pubblica virtuosa: i proventi vengono reinvestiti interamente nella comunità. Non va fatta naufragare. L'auspicio è che la modifica approdi in consiglio".
E' quasi un anno che la Pubblica assistenza si batte per sciogliere i nodi di questa legge. Gianluca Rachello delle Rsu della Pa spezzina ha detto: "Vogliamo capire se la volontà di cambiare la legge è seria. Come lavoratori e volontari se la legge non cambierà torneremo, qui davanti al Comune, a manifestare. Siamo pronti ad andare anche a Genova. Questa è una legge vergognosa".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lo striscione affisso davanti al Comune della Spezia dalla Pubblica assistenza
Mezzi della Pubblica assistenza in presidio davanti a Palazzo civico



Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News