Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 01 Agosto - ore 21.34

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Fondazioni bancarie e dottrina sociale della chiesa al centro del saggio di Carozza

Sulla rivista 'La società'
Nicola Carozza

La Spezia - Cresce, nel difficile contesto culturale e sociale che stiamo vivendo, il ruolo attivo delle fondazioni bancarie. Ad esse, e al loro ruolo - indubbiamente sempre più originale e strategico (anche alla Spezia) -, si rivolge così con crescente interesse l’attenzione della dottrina sociale della Chiesa. Lo fa ad esempio, nell’ultimo numero uscito, la rivista scientifica di dottrina sociale ‘La Società’ con un articolo-saggio firmato da un giovane studioso spezzino, Nicola Carozza che, oltre ad essere docente di Dottrina sociale all’Istituto superiore di Scienze religiose della Liguria, è anche consigliere della Fondazione spezzina. L’articolo, “La dottrina sociale della Chiesa e le Fondazioni bancarie: le acquisizioni e le nuove sfide”, analizza, a trent’anni dalla loro istituzione, il ruolo centrale che le fondazioni bancarie hanno assunto nel sostegno ai territori. La riflessione di Carozza punta ad approfondire il rapporto tra dottrina sociale e chiamata dei cristiani a farsi responsabili di scelte concrete nella vita civile. Al vocabolo ‘filantropia’, lo studioso preferisce il termine, già usato da Sergio Ristuccia, di capitale ‘altruistico’, aggettivo da sempre presente nella cultura cattolica. Alle fondazioni bancarie è stata riconosciuta per legge una natura giuridica privata, per consentire loro di svolgere compiti che né lo stato né il mercato sono in grado di svolgere. Emergono così importanti connessioni con la stessa dottrina sociale, basate sui principi di solidarietà e di sussidiarietà. Nelle conclusioni del suo saggio Carozza guarda a nuove sfide di oggi: l’”accountability”, cioè il “dover rendere conto” alla comunità del valore generato; l’impegno a trasformare il paradigma del “welfare state”, basato su un approccio assistenzialistico e risarcitorio, ad un modello di “welfare society”; il “social housing”, per dare risposte al bisogno abitativo di quelle persone e famiglie che non riescono ad accedere all’edilizia residenziale pubblica né a trovare risposte nel mercato immobiliare privato; l’attenzione alla società e al suo fine, attivando centri di studio per ripensare le condizioni di una democrazia autentica; ed infine la questione ecologica, sempre più centrale dall’educazione dei cittadini ai nuovi stili di vita (“green economy”).

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









VIDEOGALLERY

















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News