Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 19 Giugno - ore 17.45

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Fincantieri guarda al primo trimestre: "Ampiamente recuperate quote perse per pandemia"

L'avanzamento del rinnovo della flotta italiana e le commesse qatariote fanno aumentare i ricavi sul fronte navi militari.

I dati di inizio 2021
Stabilimento Fincantieri e sopra il borgo di Pitelli

La Spezia - Il Consiglio di amministrazione di Fincantieri, riunitosi sotto la presidenza di Giampiero Massolo, ha esaminato e approvato le informazioni finanziarie intermedie al 31 marzo 2021. "I risultati del primo trimestre fotografano un’azienda in piena salute che, come previsto, conferma la guidance, registra ricavi in crescita e l’aumento della marginalità. Accanto a questi segnali positivi, che si accompagnano al lieve miglioramento del quadro economico complessivo in virtù anche dei progressi registrati sul fronte dell’emergenza pandemica, salutiamo con favore la cauta ripartenza delle crociere in Europa, alla quale farà seguito a breve il mercato statunitense", ha affermato a margine della riunione del Cda l'amministratore delegato Giuseppe Bono.

I ricavi e proventi del primo trimestre 2021, pari ad euro 1.426 milioni, escluse le attività passanti (euro 222 milioni), registrano un incremento del 9,1% rispetto allo stesso periodo del 2020. "I volumi sviluppati durante i primi tre mesi del 2021 superano quelli del primo trimestre dell’anno precedente, recuperando ampiamente la quota persa per la sospensione delle attività dei cantieri e stabilimenti italiani del Gruppo a seguito del manifestarsi della pandemia", si legge nella nota di Fincantieri. L’EBITDA del Gruppo al 31 marzo 2021, pari a euro 101 milioni (euro 72 milioni al 31 marzo 2020), recupera ben oltre i margini persi nel primo trimestre 2020 per il mancato avanzamento delle commesse navali nel periodo di chiusura (euro 15 milioni). I ricavi del settore Shipbuilding al 31 marzo 2021, escluse le attività passanti per euro 222 milioni, sono pari a euro 1.278 milioni con un incremento del 12,8% rispetto al medesimo periodo del 2020. L’area di business navi da crociera segna un aumento dell’11,6% mentre l’area di business delle navi militari presenta un incremento del 16,2%, escluse le attività passanti. L’incidenza sui ricavi del Gruppo, rispettivamente pari al 58% e 22%, è sostanzialmente in linea con quanto consuntivato al 31 marzo 2020.

"L’aumento del valore della produzione dell’area di business delle navi militari - spiega la nota Fincantieri -, escluse le attività passanti relative all’unità FREMM consegnata nel mese di aprile, riflette l’avanzamento del programma per il rinnovo della flotta della Marina Militare italiana, la cui prima unità, nave Vulcano, è stata consegnata a marzo (al Muggiano, ndr). L’ incremento dei ricavi è altresì da riferirsi all’avanzamento della costruzione relativa alle commesse per il Ministero della Difesa del Qatar, la cui prima consegna è programmata per il secondo semestre, e delle attività per le altre commesse acquisite dalla Capogruppo (due unità sottomarine U212NFS per la Marina Militare italiana e quattro sezioni di prua nell’ambito del programma Flotte Logistique per la Marina Militare francese). I ricavi dell’area di business registrano inoltre il contributo della controllata statunitense FMG, che prosegue nello sviluppo del programma LCS e del programma Foreign Military Sales tra gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita. La controllata, prime contractor nel programma FFG-62 (ex programma FFG(X)) per la Marina Militare statunitense, ha dato l’avvio ai lavori di progettazione dell’unità capoclasse".

Il Capitale immobilizzato netto è pari a euro 2.091 milioni (euro 2.035 milioni al 31 dicembre 2020), in incremento di euro 56 milioni, mentre i Construction loans, strumenti di credito utilizzati esclusivamente per finanziare le commesse cui sono riferiti, al 31 marzo 2021 ammontano complessivamente a euro 1.506 milioni, con un incremento di euro 181 milioni rispetto al 31 dicembre 2020, e sono relativi alla Capogruppo per euro 1.100 milioni e alla controllata VARD per euro 406 milioni.
La Posizione finanziaria netta consolidata1 presenta un saldo negativo (a debito) per euro 1.617 milioni (a debito per euro 1.062 milioni al 31 dicembre 2020). "L’incremento, in linea con le previsioni, è coerente con l’andamento dei volumi di produzione sviluppati e con il piano di consegne che prevede 7 unità cruise nella restante parte dell’anno (la prima delle quali consegnata ad aprile 2021 e tre previste nel terzo trimestre). Si evidenzia, inoltre, che la Posizione finanziaria netta risente della strategia adottata di concedere dilazioni commerciali ai propri clienti, al fine di salvaguardare l’ingente carico di lavoro acquisito e di rafforzare i rapporti con le società armatrici", conclude la nota.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News