Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 15 Giugno - ore 20.55

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Centi e Melley: "Comune istituisca fondo ristori". Peserico: "Ricordo che siamo un ente in disavanzo dal 2015..."

"sarebbe una misura di sollievo"
Centro storico

La Spezia - Tornano a proporre al consiglio comunale e all'amministrazione spezzina di istituire un Fondo Ristori comunale per sostenere le piccole attività colpite economiche dal Covid e di un Fondo Strategico Locale aperto ad altri enti. A riportare il tema nel parlamentino virtuale di Piazza Europa, sono i consiglieri comunali Guido Melley e Roberto Centi che già ne avevano parlato in occasione della discussione sul bilancio di previsione 2021 di alcuni giorni fa: "La proposta, controfirmata anche da altri colleghi dei gruppi consiliari, prevedeva la possibilità di recuperare somme disponibili su diversi capitoli di bilancio (come ad esempio i cap. 103005-103262-103034 ma ve ne sono anche altri ) dove sono stanziate delle risorse potenzialmente utilizzabili per la finalità di sostenere economicamente le piccole attività dei settori della ristorazione e dei pubblici esercizi, commercio, artigianato, attività sportive, ricreative e culturali, con un volume di affari anno 2019 inferiore ad €300.000 e che abbiano subito un decremento di almeno il 30% raffrontando i dati 2020 rispetto al 2019 (sulla falsariga di quanto previsto dal recente Decreto Sostegni varato dal
Governo). L’obiettivo proposto era quello di ridurre alcuni stanziamenti di spesa corrente iscritti a bilancio 2021 per
incarichi professionali e prestazioni di servizio assimilate, destinando le somme recuperate per costituire un Fondo Ristori di diretta competenza del Comune: vale a dire uno strumento operativo in grado di erogare contributi alle tante piccole attività del nostro territorio, previa adozione di un apposito regolamento e di una procedura tramite bando di evidenza pubblica. La proposta prevedeva altresì la possibilità in alternativa che tale dotazione di risorse potesse servire al Comune per dar vita ad uno istituto di intervento collegiale come il cosiddetto Fondo Strategico Locale (FSL)".

La replica era affidata a Giacomo Peserico, assessore al bilancio: "Valuteremo tutte le proposte e le attiveremo qualora possibile. Voglio però ricordare che nel 2021 l'amministrazione comunale ha fatto una manovra particolare visto che non ha aumentatro il fisco (abbiamo le tasse più basse fra i quattro capoluoghi della Liguria). Non aver aumentato Imu e Irpef, ci ha chiaramente esposti ad un più basso gettito fiscale, senza contare la contrazione della tassa di soggiorno e il fatto che i ristori del 2021 non sono affatto gli stessi del 2020. Se poi aggiungiamo che è ferma la riscossione coattiva e, lo ricordo ancora, che siamo un ente in disavanzo dal 2015 e perciò il nostro avanzo vincolato può essere usato in minima parte, si capisce che la situazione non è semplice. Capisco la proposta, ma siamo sempre in balia di una situazione di entrate fiscali indefinita oltre alla riduzione drastica dei ristori".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News