Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 13 Aprile - ore 22.55

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Ora Pucciarelli metta la Spezia al pari di Taranto"

Alcuni giorni prima della nomina la senatrice aveva incontrato alcuni rappresentanti dei lavoratori civili dell'arsenale. Tra le proposte: "Turismo militare, scuola allievi come centro di formazione e un hub di protezione civile".

il sindacato flp
Arsenale militare

La Spezia - Pochi giorni prima della nomina a sottosegretaria alla Difesa del governo Draghi, aveva incontrato due rappresentanti dei lavoratori dell'arsenale. Rassicurazioni e ascolto, che adesso che la senatrice Stefania Pucciarelli può finalmente tradurre in realtà dalla posizione privilegiata che gli è stata concessa. Così Elio Di Grazia, segretario territoriale CSE/FLP, e Christian Palladino, coordinatore territoriale FLP Difesa, non hanno perso tempo indirizzando alla leghista una lettera che fa il quadro della situazione spezzina.
Si parte dal fallito tentativo di creare un punto di confronto ad ampio raggio tra la città e i massimi rappresentanti della Marina Militare in città. "Mentre a Taranto prosegue fattivamente il percorso del contratto istituzionale di sviluppo che prevede progetti, fondi, assunzioni, sotto la regia delle istituzioni nazionali e locali, alla Spezia parrebbe già azzoppato il tentativo messo in campo, se pure in fortissimo ritardo, di avviare un percorso analogo. Proprio la Marina Militare avrebbe rappresentato la propria indisponibilità a partecipare al tavolo tecnico permanente proposto dal sindaco Peracchini, in ragione di
supposte incompatibilità con le prerogative istituzionali della forza armata".

Ciò che anche i sindacalisti speravano di vedersi materializzare era "uno specifico tavolo tecnico permanente, funzionale alla definizione di un progetto integrato per il possibile nuovo utilizzo della aree interne alla base navale non più funzionali alle attività istituzionali della predetta forza armata e rispondenti ad una logica di sistema che riguardava più in generale un nuovo quadro di sviluppo delle attività produttive nel territorio". Un vero e proprio piano industriale con una mission dedicata per l’arsenale militare spezzino. Una forte spinta sui progetti dual use delle infrastrutture militari coinvolgendo l’industria spezzina a pieno titolo. "Anche su questo fronte è necessario un impulso decisivo", scrivono alla senatrice.
"Si ritiene quindi non più rinviabile attivare il percorso che metta insieme idee e proposte,
verificandone la fattibilità istituzionale con il coinvolgimento dei parlamentari e sotto l’egida
della amministrazione comunale con funzione di catalizzatore e di propulsore. Per FLP non
è accettabile mettere la testa sotto la sabbia e lasciare che vengano 'anemizzate' le realtà
esistenti e, con loro, anche le idee e le volontà di modificare la situazione attuale".

Alcuni esempi sono le "ipotesi di sviluppo del turismo militare anche collegato alla presenza di un prestigioso Museo Tecnico Navale, l’utilizzo massivo della Scuola allievi operai dell'arsenale militare come centro polifunzionale di formazione partendo dalle esigenze del Ministero della Difesa e della Pubblica amministrazione ma più in generale per le attività formative del territorio. Non solo, ultimo ma non per importanza, si propone il possibile utilizzo di alcune aree interne alla base navale per la costituzione una struttura operativa della Protezione Civile che, unitamente alla strutture della sanità militare presenti, possa essere stabilmente messa al servizio delle esigenze di carattere istituzionale dei territori interessati in ragione di possibili evenienze che richiedono interventi a tutto campo di carattere logistico e sanitario, quali ad esempio quelli che stiamo vivendo con la pandemia da Covid-19".
La prima richieste alla neo sottosegretaria è una "iniziativa in quanto componente della Commissione Difesa del Senato, coinvolgendo al contempo gli altri parlamentari spezzini, allo scopo di rimuovere gli ostacoli che si frappongono all'avvio di una nuova fase di sviluppo e di progresso del nostro territorio correlato alla presenza della Marina Militare, in analogia con quanto praticato positivamente nella realtà tarantina".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News