Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 22 Aprile - ore 13.09

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Investimenti nel porto: si rispettino impegni presi"

Cgil, Cisl e Uil chiedono alla politica di inserire la Pontremolese tra le opere del Recovery Fund. In vista di un tavolo con il presidente Sommariva: "In caso di dumping contrattuale, sarà obbligato ad intervenire".

appello dei sindacati
Porto della Spezia, calata Malaspina

La Spezia - Quello spezzino è il secondo porto gateway in Italia dopo Genova per movimento container e uno dei più importanti, con il suo flusso merci di 15.881.905 tonnellate. Questo il presente fotografato dai dai Assoporti. Il futuro invece appare ancora tutto da scrivere secondo Cgil, Cisl e Uiltrasporti che vedono nel presidio "il cuore economico di tutta la provincia e delle zone limitrofe, sostituendosi a quello che per il secolo scorso è stato il ruolo dell’arsenale nella crescita economica e sociale di tutta la comunità".
L'efficienza dello scalo spezzino ne ha garantito la fortuna commerciale, almeno prima della pandemia. "L’emergenza sanitaria ha avuto ripercussioni sul traffico marittimo merci dell’intero pianeta e sul segmento turistico delle navi da crociera creando non poche difficoltà a chi opera nell’ambito portuale, costringendo le imprese a ricorrere agli strumenti di ammortizzazione sociale, con conseguenti perdite salariali per i lavoratori. Al netto però dell’emergenza sanitaria - annunciano le sigle -, che sicuramente incide e inciderà in maniera pesante, un ragionamento sullo sviluppo del porto e sulle sue prospettive future come sindacati abbiamo il dovere di compierlo".

"Da sempre sosteniamo con forza la realizzazione del raddoppio della linea ferroviaria Pontremolese. Un'opera necessaria, che va oltre il sistema provinciale, per assumere un rilievo nazionale e addirittura internazionale. L'occasione offerta dal vincolo degli investimenti e non dalle spese improduttive per l'erogazione di disponibilità del Recovery fund-Next Generation EU è lo strumento ideale affinché il governo italiano finanzi il completamento di un'opera fondamentale per l'intero Paese. Fermo restando questa battaglia che deve avere il sostegno di tutte le istituzioni e forze politiche, al nuovo presidente dell'Authority, a tutti gli operatori portuali coinvolti, a partire dai terminalisti, chiediamo semplicemente di rispettare gli impegni presi, attuando gli investimenti previsti all'atto del rilascio delle concessioni".
Gli investimenti citati sono il dragaggio e la realizzazione delle nuove banchine: "Fondamentali per la competitività dei terminal affinché si realizzi l’auspicato incremento occupazionale previsto dai piani di impresa che per il sindacato rappresenta una risposta fondamentale allo sviluppo del nostro territorio".

Cosa non deve cambiare secondo Cgil, Cisl e Uil è "l’attuale assetto organizzativo nel ciclo delle operazioni e servizi portuali all’interno dei nostri terminal, attraverso l’utilizzo di imprese autorizzate ai sensi dell’ex articolo 16 della legge 84/94; un modello consolidato che rappresenta un‘eccellenza nel panorama della portualità nazionale e che garantisce ai committenti la flessibilità necessaria per rispondere alla ciclicità dei traffici e grazie al quale si è sviluppata un'occupazione di qualità, frutto anche di relazioni sindacali partecipative come dimostrato dall’esercizio consistente della contrattazione di secondo livello".
C'è poi un messaggio rivolto direttamente al nuovo presidente Mario Sommariva: "Qualora in futuro si riscontrassero situazioni di dumping contrattuale tra le varie imprese del settore portuale, sarà obbligo del futuro presidente mettere in atto tutte gli strumenti previsti dalle norme di legge".
"Su questi temi e su altre criticità, esistenti nella realtà portuale, riteniamo importante come organizzazioni sindacali aprire un confronto di merito sia con il nuovo presidente dell’Autorità portuale che con tutti gli attori in campo, con l’obiettivo dichiarato di consolidare la posizione strategica che il porto spezzino si è conquistato negli anni all’interno del sistema portuale nazionale".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia






FOTOGALLERY




















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News