Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 29 Luglio - ore 21.10

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Ci hanno levato la dignità, con il governo lo strappo è definitivo"

Un centinaio di titolari di bar e ristoranti si sono uniti per manifestare contro le ultime decisioni che hanno sancito il passaggio in zona arancione: "Alcuni locali spesso non aprono per i costi troppo alti. Abbiamo sempre rispettato le regole".

"la misura è colma"

La Spezia - Uno strappo che sarà difficile da ricucire, una ferita che non smette di sanguinare. Si sentono così i titolari di bar e ristoranti che questo pomeriggio, sotto una pioggia insistente e al freddo, si sono riuniti in una manifestazione spontanea poi culminata in un corteo, non previsto, che si è spinto quasi alle porte del Comune della Spezia dopo aver transitato per via Fratelli Rosselli, Via Persio e Viale Italia.
L'appello è partito dalla titolare del Bar Tripoli, all'angolo tra Via Prione e Via Fratelli Rosselli, Paola Melis che ormai stremata dalla situazione ha chiamato a raccolta numerosi colleghi. Almeno un centinaio hanno rispoosto. A vegliare sulla situazione, le forze dell'ordine che hanno anche scortato il serpentone quando ha cominciato a muoversi.
A fare da sfondo a una manifestazione, che potrebbe proseguire in direzione Genova lunedì prossimo, una città quasi spettrale segnata da decine di bar con le saracinesche abbassate nonostante fossero le 17.
"In molti - spiega una manifestante - non aprono nemmeno per l'asporto. Qualcuno oggi lo ha fatto anche per partecipare alla manifestazione, ma altri non aprono nemmeno più con la zona arancione perché non riescono a sostenere tutte le spese".
Gli sguardi dei manifestanti, con i volti coperti dalle mascherine, sono cupi e tristi.
"La misura è colma - racconta Paola Melis del Bar Tripoli -. La manifestazione di oggi nasce in autonomia dal superamento del limite di sopportazione legato alle limitazioni che ci sono state imposte dal governo. La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la chiusura di San Valentino annunciata il 12 febbraio: ha messo tutti in ginocchio perché i locali si sono sempre adeguati alle esigenze sanitarie. Non siamo negazionisti Covid. A queste condizioni non si può lavorare".
"Con la decisione della chiusura annunciata venerdì abbiamo perso l'ultima goccia di dignità - racconta Barbara Gianfranchi di Bahama in Via Sapri - che avevamo conservato e per il quale abbiamo lottato fino ad ora. Siamo persone oneste, non untori e ci teniamo ad evitare assembramenti, contagi. Via Sapri è una via molto stretta e ha richiamato su di noi l'attenzione. Abbiamo fatto una riunione con gli altri soci e con Confesercenti siamo arrivati a un confronto con prefettura, questura e assessore alla Sicurezza. Ci siamo presi degli impegni per far capire alla cittadinanza che eravamo pronti. Speriamo che il governo capisca che la chiusura non è la strada giusta".
"Noi vogliamo lavorare, non vogliamo ristori - aggiunge Matteo Marchini, sempre dal Bahama -. Le problematiche ci sono: nonostante gli assembramenti in altre situazioni, noi siamo gli unici a rimetterci. Convivere con il Covid significa che anche noi dobbiamo avere l'opportunità di lavorare".


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









VIDEOGALLERY

















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News