Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 15 Aprile - ore 19.33

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Presentazione della raccolta di Cristina Raso domenica 6 dicembre

"Voci Nel Caos"
Cristina Raso

La Spezia - Un incontro con l’autrice Cristina Raso, tutto digitale sulla pagina Facebook della nota rivista letteraria Aphorism.it seguita da più di 100.000 follower, si terrà domenica 6 dicembre alle 21. Nato nel periodo del lockdown, a inizio primavera, "Voci Nel Caos" è un incontro di tante anime che hanno attraverso la sua vita negli ultimi 15 anni, dopo la pubblicazione di “Lasciati Immaginare”, l'opera prima della Raso pubblicata da Stamperia dell’Arancio. Un momento letterario per parlare di poesia contemporanea e di come può nascere una autopubblicazione a distanza di 15 anni dalla prima opera. La prefazione di Voci Nel Caos, come di Lasciati Immaginare, è a cura di Antonio Lera, scrittore e critico letterario candidato al Nobel della Letteratura dalla città di Teramo, in questo anno 2020.

Per questa presentazione digitale il direttore di Aphorism Luigi De Luca ha aperto le porte della fanpage del sito di neo-letteratura più longevo d'Italia, per ospitare una delle sue autrici storiche, in archivio da oltre 15 anni. Nel corso della diretta streaming rivolgerà domande a Raso e Lera sul loro percorso artistico e su alcuni aspetti interessanti della crescita di scrittura dell’autrice, oltre a parlare di spazi inconsueti all’interno della raccolta come il collegamento tra poesia e musica. Nella raccolta infatti sono inserite alcune composizioni che sono state anche musicate e interpretate in tracce attraverso un reading-cantato, grazie alla collaborazione della cantante e attrice Marina Mulopulos e al compositore Marco Tosetti. “Ho sempre lavorato sul viaggio inteso come viaggio del me — racconta Raso —, su come si possa leggere delle poesie estemporanee come le mie, che raccontano spesso ermeticamente momenti e paesaggi. Per questo libro è stata necessaria una riconnessione con il passato, che ha permesso nel momento buio del lockdown di utilizzare le energie per riprendere contatti e attivare nuove sinergie. Il mio voleva essere un omaggio al tempo che passa e che mantiene dentro di noi incontri incredibili che offrono occasioni irripetibili. Sono sempre più convinta che è necessario circondarci di persone positive, ricche artisticamente e con cui mantenere i rapporti. Ed empaticamente queste sensazioni è difficile che cambino nel tempo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News