Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 05 Agosto - ore 22.46

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

“20ANNI Cronache di inizio millennio dal G8 di Genova”, spettacolo teatrale al Canaletto

oggi
“20ANNI Cronache di inizio millennio dal G8 di Genova”, spettacolo teatrale al Canaletto

La Spezia - Si chiama “20ANNI Cronache di inizio millennio dal g8 di Genova” ed è uno spettacolo teatrale che questo pomeriggio, a partire dalle 18.30, sarà ospitato presso i locali del Circolo Arci Canaletto. L’evento, promosso dal Comitato Territoriale Arci La Spezia e dal Comitato Arci Liguria rientra nelle manifestazioni organizzate in occasione del ventennale del G8 di Genova. "Qualcosa di significativo accadde nei giorni di luglio del duemilauno: una marea di persone di diversa età, provenienza e storie invase le strade di Genova - si legge nella sinossi -. Erano gli anni dei Social Forum, di quello che venne definito il popolo di Seattle, era tutta gente che sentivano profondamente di essere cittadini del mondo e che credevano che la libertà fosse un diritto di nascita e non di nazionalità. In quel luglio una generazione si scontrò contro il muro di una nuova repressione, si consumò “la più grande sospensione dei diritti democratici in un paese occidentale” (Amnesty International), ma i media riportarono i fatti in modo differente. I fantasmi del passato tornarono e il dolore non andò più via. Nel 2002 sentimmo la necessità di raccontare ad altri quello che avevamo vissuto a Genova, dentro di noi e fuori. Adesso dopo 19 anni sentiamo la necessità di ricordare quello che è successo, in particolare di come furono trattati i manifestanti, ma non solo. Oggi raccontiamo quei giorni con una ballata metropolitana, utilizzando un linguaggio urbano che attinge all’antica arte del Cunto, mischiando antico e contemporaneo, cercando una lingua universale che parli col suono più che col significato. È un racconto personale eppure collettivo allo stesso momento. E’ il punto di vista del cielo che guarda la folla colorata, i suoni, le danze, i canti, le speranze del mondo che si incontrano in un unico cammino. Poi di colpo, come in una brutta fiaba, tutto sale verso l’alto come il fumo nero dei lacrimogeni, le urla di paura, gli schizzi di sangue, la rabbia che spacca il petto, le fughe per le scalinate … e dopo ore ecco il fischio del treno che riparte per andar via lasciando un pezzo di ognuno li tra quelle strade, sotto quel cielo. Il treno come il tempo non si volge indietro, è un respiro affannato, è una voglia mai doma di libertà che attraversa tutti questi anni per chiedersi ancora il senso di questo viaggio, quello passato e quello da fare ancora. Intanto ecco una stazione, quella dei 20 anni in cui fermarsi per far salire altri passaggieri e proseguire ancora una volta insieme per continuare il viaggio verso la próxima estación: Otro Mundo es posible.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




FOTOGALLERY






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News