Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 26 Luglio - ore 15.18

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Una futura mamma: "Dall'Asl tempi infiniti per un esame fondamentale, facciamo valere i nostri diritti"

il racconto
Una futura mamma: "Dall'Asl tempi infiniti per un esame fondamentale, facciamo valere i nostri diritti"

La Spezia - Luana è una giovane donna spezzina in dolce attesa. Entro la dodicesima settimana avrebbe dovuto fare il bitest, un esame che permette di individuare eventuali anomalie cromosomiche per la creatura in arrivo. Si tratta di un accertamento disponibile tramite il sistema sanitario pubblico. Però per questa futura mamma il percorso si è rivelato complicato.
"Racconto la mia storia - ha detto - anche per altre ragazze, nella speranza che non gli accada la stessa cosa. Appena ho scoperto di essere incinta ho attivato tutti i percorsi possibili per fare in modo di poter eseguire questo test entro la 12 settimana. Peccato però che quando è arrivato il momento di prenotare la visita mi sia stato risposto, dal call center che ha orari limitati alla mattina e nella stessa fascia in cui lavoro, che le prenotazioni erano tutte piene e che avrei potuto eseguirlo a giugno. Inutile dire che come data era troppo lontana".
"Non potendo aspettare - prosegue nel racconto - ho deciso di andare da un privato. Si tratta di un esame costoso (540 euro, NdR) che per il bene della creatura che porto in grembo ho fatto comunque. Era comunque un mio diritto poter accedere a questo test tramite la sanità pubblica, quindi, ho deciso di andare avanti anche con la prenotazione. Ho dovuto assumere un tono duro, risoluto e insistente. Sono riuscita a far valere i miei diritti e a ottenere l'esame".

"Anche se questa fase del mio percorso si è conclusa - prosegue Luana -, penso a tutte quelle ragazze, magari anche straniere, che non hanno la possibilità di fare come ho fatto io o come sarò costretta a fare: cioè rivolgersi a un privato per avere tutti gli esami in regola. Dico a tutte di far valere i propri diritti".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









VIDEOGALLERY

















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News