Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 15 Giugno - ore 20.13

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Sequestrati mascherine e guanti, cinque importatori denunciati | Foto

Con l'operazione "Safe Breathing" doganieri e finanzieri spezzini contrastano la commercializzazione di strumenti medici e di protezione individuale non conformi.

oltre 12 milioni di pezzi
Sequestrati mascherine e guanti, cinque importatori denunciati

La Spezia - Oltre 12.650.000 Dispositivi Medici e Dispositivi di Protezione Individuale, tra mascherine chirurgiche, mascherine FFp2 e guanti monouso, pronti ad essere immessi sul mercato o destinati ad istituti sanitari pubblici, sono stati sequestrati nel corso dell’ultimo anno dai doganieri spezzini e dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza. Tutti i prodotti sequestrati erano privi di regolare marcatura CE o corredati da certificati falsi, i gel igienizzanti venivano invece commercializzati senza il previsto “nulla osta” sanitario.

Nel caso delle mascherine FFp2 la carenza della conformità comunitaria veniva successivamente confermata dalle analisi effettuate dai laboratori ADM sui campioni prelevati, che hanno in diversi casi evidenziato un’efficacia di filtrazione batterica non superiore all’80% quindi ben al di sotto dei limiti di legge che nel caso delle ffp2 è pari al 94%.
L’importante risultato è il frutto del monitoraggio svolto sinergicamente dal team costituito da doganieri e Guardia di Finanza teso al mirato controllo di spedizioni a rischio provenienti da paesi Ue ed extra Ue nel porto spezzino, per arginare l’immissione in commercio delle mascherine e altri presidi con caratteristiche qualitative non rispondenti alle norme previste.

Nel corso di perquisizioni presso le sedi aziendali di società importatrici, in provincia della Spezia e Firenze, nelle sedi del corriere espresso di Pisa e Carrara e presso istituti ospedalieri di Parma e la Spezia, sono stati raccolti elementi che hanno portato alla denuncia di cinque importatori, un cinese e quattro italiani per contrabbando aggravato, delitti contro l’economia e frode nelle pubbliche forniture. L’operazione assume un’importante valenza anche dal punto di vista della tutela della spesa pubblica, in quanto ha riguardato prodotti che oltre a non essere conformi, presentavano un costo delle forniture a strutture pubbliche ben al di sopra dei valori medi di mercato.

Durante la prima ondata pandemica si è proceduto, inoltre - conformemente alle norme emanate nel marzo 2020 - alla requisizione ed alla assegnazione alla Protezione Civile della Liguria di 130.000 flaconi di “gel igienizzante” in esportazione verso gli Stati Uniti. Gli interventi, a contrasto degli illeciti economico-finanziari, si inseriscono nel più ampio presidio dell’amministrazione a garanzia della sicurezza e della salute dei consumatori, nonché al contrasto degli effetti distorsivi della concorrenza per la tutela dei commercianti onesti, scongiurando fenomeni distorsivi della concorrenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fotogallery

Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News