Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 12 Maggio - ore 18.22

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Mezzo chilo di eroina squestrata a due passi dal parco

La pazienza degli agenti della Locale paga: alla Pieve troppi movimenti strani avevano convinto gli agenti che si doveva approfondire. L'assessore Ivani: "Ora il cittadino sia espulso: chi viene in Italia a vendere morte non merita di viverci".

valore di 50mila euro
Mezzo chilo di eroina squestrata a due passi dal parco

La Spezia - Mezzo chilo di eroina ritirata dal mercato grazie ad una brillante operazione della Polizia Locale della Spezia che concretizza un lavoro iniziato da tempo Da quando cioè erano arrivate segnalazioni a proposito di “strani” reiterati movimenti nel quartiere della Pieve in prossimità del campo sportivo "Denis Pieroni" e del parco presente nelle vicinanze, entrambi frequentati da molti bambini, a maggior ragione in queste giornate di primavera. Così il Comando di via La Marmora ha deciso di inserire l’area del quartiere levantino fra le "osservate speciali" e l’attività delle pattuglie impiegate ha portato frutti immediati. Nel pomeriggio di ieri è stato colto in flagranza di reato un trentottenne extracomunitario , domiciliato nel quartiere della Pieve, irregolare sul territorio italiano, persona gravata da precedenti specifici con alle spalle una decina di anni di carcere per i medesimi reati. Il soggetto è stato colto nel cedere alcune dosi di eroina a un ragazzo italiano di 36 anni residente a Carrara. Subito dopo la cessione lo spacciatore rientrava nella propria dimora mentre l’assuntore provava a disfarsi della sostanza gettandola in corsa dalla sua autovettura.

La pazienza ed il lavoro certosino degli agenti della Locale ha dato ottimi risultati: sono state infatti recuperate le dosi delle quali l’assuntore aveva provato a disfarsi e poi, dopo poco tempo, quando lo spacciatore usciva nuovamente dal suo appartamento ed effettuava una nuova cessione, l’intervento degli agenti è risultato decisivo con l’arresto dello spacciatore che veniva prontamente fermato. Questa volta assieme allo cittadino extracomunitario sono entrati in casa gli agenti del Comando di Via La Marmora, che hanno effettuato la perquisizione dell’abitazione unitamente all’ausilio dell’unità cinofila della Guardia di Finanza, prontamente intervenuta in ausilio. La perquisizione ha dato esito positivo, infatti è stata rinvenuta oltre mezzo chilo di eroina già suddivisa in pacchetti ed inserita in un barattolo ed un macinino da caffè, opportunamente sigillati e colmati con del riso, utilizzato solitamente dagli spacciatori per impedire che lo stupefacente venga deteriorato dall’umidità, una volta sotterrato in un luogo sicuro per non esporsi al pericolo di conservare in casa grosse quantità che, se scoperte, comporterebbero un aggravio di pena. Il tempestivo intervento degli agenti ha impedito che fosse nascosta e poi spacciata in singole dosi.

La droga avrebbe fruttato dalla vendita al dettaglio circa 50mila euro. Durante la perquisizione sono stati posti sotto sequestro anche circa quattrocento euro di denaro contante, un bilancino di precisione e una dose di cocaina che l’arrestato deteneva negli indumenti. Per lo spacciatore il Pubblico Ministero di turno ha disposto la detenzione nella Casa Circondariale di “Villa Andreino” in attesa della comparizione davanti al Gip per l’udienza di convalida dell’arresto. Il compratore è stato segnalato alla Prefettura quale assuntore di sostanze stupefacenti. “La collaborazione stretta con la cittadinanza - ha dichiarto il sindaco Pierluigi Peracchini - ha garantito ancora una volta maggiore sicurezza nei quartieri e su tutto il territorio. In tempo di crisi sanitaria e sociale, è troppo facile cadere nell’incubo della droga, soprattutto per i ragazzi più fragili: è necessario che, oltre a un atteggiamento repressivo nei confronti di chi delinque, si accompagni un lavoro con i servizi sociali per dare supporto alle fasce della cittadinanza maggiormente in difficoltà. Il mio ringraziamento al Comandante Bertoneri, agli agenti della Municipale intervenuti e alla fattiva collaborazione con la Guardia di Finanza: solo attraverso la sinergia fra tutte le Forze dell’Ordine è possibile continuare a migliorare la sicurezza cittadina". “Sono molto soddisfatto del lavoro della Polizia Municipale e del continuo contrasto alla vendita di sostanze stupefacenti - ha aggiunto l’assessore alla sicurezza Filippo Ivani. Il cittadino irregolare sul territorio italiano merita l’espulsione: chi viene in Italia per vendere “morte” e delinquere non merita di vivere in Italia".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News