Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 29 Luglio - ore 09.48

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Mannaia e manganello per pareggiare i conti, fermati quattro giovanissimi

Il gruppo è rimasto coinvolto in una rissa. I carabinieri hanno ricostruito i fatti: all'origine del contendere un chilogrammo di hashish sparito.

due arresti e due denunce
Carabinieri

La Spezia - Volevano pareggiare i conti per un ammanco di hashish con la mannaia e il manganello. Così quattro ragazzi sono venuti alle mani, armati fino ai denti, ma ora due di loro sono stati arrestati e gli altri denunciati. E' il bilancio del pomeriggio movimentato in una frazione collinare della Spezia. Erano le due e mezzo di ieri quandto Carabinieri hanno ricevuto alcune telefonate al 112 che segnalavano una rissa in strada tra giovani stranieri, alcuni dei quali armati di ascia e manganello. Immediato l’intervento delle gazzelle dell’Arma, che hanno subito fermato e accompagnato in caserma i quattro protagonisti.
"Più complicato è stato poi, invece, riuscire a ricostruire precisamente cosa fosse successo e le ragioni del fatto - si legge in una nota dei militari-. Dopo un intero pomeriggio trascorso ad ascoltare testimoni, raccogliere prove ed effettuare perquisizioni e nonostante le verità di comodo inizialmente raccontate dai protagonisti, i Carabinieri sono però riusciti a venire a capo della vicenda".
"Alla fine - prosegue la nota - si è capito che i due giovani di origine maghrebina, entrambi minorenni e cittadini italiani, si erano recati sotto casa di due giovani italiani, uno dei quali a sua volta minorenne, per reclamare contro uno “sgarro” e pretendere la restituzione di un ingente quantitativo di hascisc: oggetto del contendere un chilogrammo di hascisc sparito nei giorni scorsi da un nascondiglio nella boscaglia in riva al fiume a Santo Stefano Magra. I due giovani di origini marocchine, infatti, avrebbero creato lì il proprio nascondiglio per lo stupefacente, incaricando uno dei due giovani italiani di sorvegliarlo. Forse per una discussione o forse per la prospettiva di facili guadagni, circa un chilogrammo di hascisc era progressivamente sparito nei giorni scorsi. Accortisi dell’ammanco, i due “proprietari” sono così andati a cercare di ottenere soddisfazione, scatenando il parapiglia che ha poi causato l’intervento dei militari".
I carabinieri hanno quindi effettuato una serie di perquisizioni e hanno trovato circa 250 grammi di hascisc a casa dei due giovani aggrediti di uno, oltre a un bilancino di precisione, e quasi 300 grammi a casa dell’altro. I due sono quindi stati dichiarati in arresto: mentre il maggiorenne è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa di comparire stamattina davanti al Giudice in Tribunale alla Spezia, il minore è stato portato al Centro di Prima Accoglienza di Genova, in attesa dei provvedimenti del Tribunale per i minori.
I due aggressori, dal canto loro, sono stati denunciati per minaccia aggravata e porto di armi. Ulteriori accertamenti sono poi in corso per fare luce sulla detenzione di stupefacenti da parte loro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









VIDEOGALLERY

















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News