Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Domenica 01 Agosto - ore 21.34

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Il capitano Capurro è tornato in Italia

Il corpo del marittimo spezzino bloccato all'estero e a bordo della nave da dove non è mai sceso è arrivato questa notte a Taranto. Padre Ameglio: "Stella Maris ha fatto l'impossibile per poterlo far tornare dalla famiglia".

la storia
Un frame del video di Padre Gian Luigi per l'iniziativa in memoria di Antonio Capurro

La Spezia - "Per noi queste sono ore importanti, perché si sta risolvendo la delicata vicenda del capitano Capurro, il marittimo morto al largo di Jakarta. La sua salma è rientrata questa notte in Italia a Taranto. Lui abitava qui e anche la sua famiglia lo ha atteso". Lo ha detto questa mattina Padre Gian Luigi Ameglio, frate francescano e della Stella Maris spezzina, ricordando le terribili sorti del capitano Capurro mancato a bordo di una nave e presunto, ma mai accertato, caso Covid.
Fino a questa notte è sembrato impossibile che potesse rientrare a casa con la nave che non veniva fatta attraccare e senza che la famiglia potesse avere informazioni certe su quanto avvenuto a bordo. Ed è stata proprio la rete di Stella Maris a fare in modo che ciò avvenisse.
"Sono in costante contatto con la moglie - ha proseguito padre Gian Luigi -. Tutta la Stella Maris internazionale si è attivata per accogliere la famiglia e la salma del capitano Capurro. Stella Maris è vicino ad ognuno di loro".
In merito alla vicenda del capitano il presidente dell'Autorità portuale del Mar Ligure orientale Sommariva, con un passato importante nel mondo sindacale, ha aggiunto: "Durante il Covid, se c'è qualcuno che ha vissuto condizioni estreme è proprio il personale marittimo. Quella del capitano Capurro è una vicenda davvero molto triste ed è un'occasione per fare una riflessione generale su come sia stata sottovalutata la condizione del personale navigante. La pandemia per queste persone ha significato non poter sbarcare per molto tempo, essere respinti dai porti e, come nel caso del capitano Capurro, morire soli".

Nella foto un'immagine di una iniziativa che si era tenuta in memoria del capitano Capurro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









VIDEOGALLERY

















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News