Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 15 Giugno - ore 21.05

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Contrattavano e ordinavano cocaina con Whatsapp e Telegram

Eseguite due misure cautelari nei confronti di soggetti dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti. La droga arrivava dalla toscana e veniva immessa sul mercato spezzino.

operazione "Grigio opaco"
Contrattavano e ordinavano cocaina con Whatsapp e Telegram

La Spezia - I finanzieri spezzini, al termine di una complessa attività di indagine, hanno dato esecuzione a due misure cautelari personali, nei confronti di due soggetti dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare cocaina. Si tratta di un italiano di 34 anni, imprenditore, sottoposto alla misura cautelare in carcere e di un giovane di 23 anni di origine ecuadoregna, posto agli arresti domiciliari. Le indagini sono scaturite dalle ordinarie attività di controllo economico del territorio, che hanno consentito di acquisire informazioni su alcune dinamiche dello spaccio nel centro cittadino, in particolare quello che tende a rifornire giovani e giovanissimi, nel contesto della “movida”.

Già nel settembre 2020, era stato possibile arrestare in flagranza un italiano che deteneva a bordo di una vettura di lusso un etto e mezzo di cocaina già frazionata. Le successive investigazioni - svolte grazie anche ad attività tecniche e al monitoraggio delle piazze di spaccio - hanno consentito di individuare la filiera di approvvigionamento: alcuni italiani provvedevano a rifornirsi di droga presso fornitori sul territorio pisano e lucchese, un soggetto equadoregno la rivendeva al dettaglio a consumatori spezzini. Spacciatori e clienti restavano in contatto e si scambiavano dettagli sulle cessioni di droga attraverso canali di messaggistica, quali “Whatsapp” e “Telegram”, come emerso dall’esame dei numerosi smartphone sequestrati.

Nell’attuale scenario di emergenza sanitaria, la Guardia di Finanza contribuisce alle prioritarie esigenze di contenimento della pandemia, ma ribadisce la propria vocazione di forza di polizia economico-finanziaria, rivolta, fra l’altro, alla repressione dei traffici illeciti, e non dimentica la pericolosità del traffico delle sostanze stupefacenti, soprattutto quando
destinato a minare la salute e la saldezza morale dei più giovani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News