Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 17 Aprile - ore 22.43

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Banale diverbio fa scattare la rissa, carabiniere in borghese vede tutto e "aziona" i colleghi

Sotto i portici di via Chiodo, di fronte ai giardini pubblici, i militari sono intervenuti per bloccare una baruffa tra under 30: dalle male parole ai calci, fino ad una lotta a terra. Qualcuno ne è uscito malconcio.

Via chiodo

La Spezia - Il primo venerdì dopo il ritorno alla zona gialla era, ovviamente, una delicata prova finestra sul comportamento da parte dei giovani spezzini. La Prefettura della Spezia in settimana aveva coordinato il tavolo provinciale nel quale tutte le forze di Polizia sono state coinvolte proprio per arginare eventuali assembramenti o, peggio ancora, situazioni di insicurezza pubblico. Un setaccio evidente a partire dalle 18 in poi con uomini e mezzi disclocati nelle aree più frequentate: la serata è stata movimentata visto che al centralino del 112 sono infatti arrivate numerose telefonate da parte di cittadini che segnalavano una rissa in strada sotto i portici di via Chiodo, di fronte ai giardini, tra alcuni giovani nordafricani.

Alla baruffa ha assistito anche un carabiniere del Comando Provinciale, che stava rincasando in abiti borghesi e che ha chiamato in supporto i colleghi del Nucleo radiomobile, non perdendo di vista i tre protagonisti e indicandoli alla pattuglia arrivata sul posto. I giovani, tutti di origine tunisina ed in evidente stato di ebbrezza alcolica, sono stati bloccati e identificati: si tratta di due fratelli e di un loro amico, di età compresa fra i 19 ed i 27 anni.

Gli accertamenti compiuti dai militari e la testimonianza diretta di uno di loro hanno consentito di ricostruire la dinamica dei fatti, scaturiti da un banale diverbio e rapidamente degenerati in una colluttazione fra uno dei due fratelli e l’amico, col successivo intervento anche dell’altro fratello. La colluttazione, con i tre che si prendevano a calci e si rotolavano avvinghiati per terra, si è conclusa all’arrivo della gazzella, prima che qualcuno dei coinvolti riportasse lesioni. Tutti sono stati comunque segnalati per rissa e rischiano una multa di oltre 300 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News