Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 17 Maggio - ore 14.45

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Ultra allergici e vaccini, al Sant'Andrea operativa un'unità speciale

Commissione consiliare fiume per il punto sulle vaccinazioni. La dirigenza Asl 5: "Andiamo verso i grandi hub vaccinali, sfuma ipotesi del centro al Terminal crociere".

tutte le risposte
Ultra allergici e vaccini, al Sant'Andrea operativa un'unità speciale

La Spezia - Millesettecento vaccinazioni la prossima settimana, la svolta verso i grandi hub per le somministrazioni mentre sfumano le ipotesi di quelli al terminal crociere e nell'ex ufficio delle dogane. E poi ancora la piena operatività di un'unità speciale, dentro al Sant'Andrea, per gli ultra allergici con 60 vaccinazioni settimanali.
Sono questi alcuni dei punti sviscerati nel corso della commissione fiume che si è tenuta oggi pomeriggio, via streaming, chiesta dai commissari del Comune della Spezia di maggioranza e minoranza. Hanno risposto a tutte le domande, dopo l'introduzione del direttore generale Paolo Cavagnaro, i dirigenti Maria Alessandra Massei e Mino Orlandi. Decine gli interventi da parte dei commissari e nel corso della riunione i vertici di Asl 5 ha specificato alcuni punti.
Il primo messo in evidenza dal direttore generale Cavagnaro è proprio sull'andamento delle vaccinazioni: "Al di là della macchina organizzativa, tutta la partita si gioca con i rifornimenti sui vaccini perché dipendono direttamente dagli accordi nazionali e internazionali. Sono scenari, che come è evidente, cambiano spesso anche da un giorno all'altro".
In merito alle sedi vaccinali arrivano alcune novità, illustrate dal dirigente Mino Orlandi: "A Sarzana è stato fatto un ulteriore passo, ci stiamo attrezzando per alcuni locali nella sede distaccata sita in una struttura dove sorgeva una Rsa e mai utilizzata. Abbiamo intercettato la fascia problematica degli ultra allergici creando un ambulatorio specifico nel Sant'Andrea. Sessanta persone al giorno, ogni mercoledì, vengono vaccinate in un ambiente ultra protetto in modo da poter intervenire immediatamente in caso di reazioni violente".
"Sul distretto sociosanitario 17 siamo intervenuti in un altro modo ancora - ha proseguito - nasceranno tre centri che si alternano nelle vaccinazioni per coprire le Cinque Terre, la Val di Vara. Prenderemo in carico anche delle vaccinazioni dalla parte militare, perché dovranno ricevere il Pfizer per questioni logistiche. La nostra strategia rimane quella, anche in base alle direttive nazionali, di operare in grandi hub. Dobbiamo avere pochi e grandi centri per ottimizzare tutto il sistema e dove possiamo anche essere più flessibili per l'attivazioni delle linee vaccinali. Questo sempre compatibilmente con le forniture delle dosi. Le ipotesi di individuare come hub sia la zona del terminal crociere che nell'ex palazzo delle dogane non sono compatibili. Nel primo caso, se l'attività crocieristica riprendesse in tempi brevi potrebbero esserci dei problemi organizzativi. Per l'altro plesso ricordiamo che sono presenti anche altri uffici. In questo contesto è stata potenziata la struttura della Fitram con tre linee vaccinali".
"Possiamo dire che la fase 1 delle vaccinazioni è terminata - ha aggiunto- , ma sono numeri davvero limitati. Staremo nei tempi delle somministrazioni entro il 9 maggio. Per quanto riguarda l'organizzazione dei medici vaccinatori è stato fatto un lavoro encomiabile e terminate le vaccinazioni nelle strutture militari i loro sanitari daranno il loro contributo. Ricordo che non abbiamo mai dovuto disdettare delle vaccinazioni per mancanza di medici e non ci sono stati sprechi se non, al massimo, per una rottura di una fiala. Inoltre, non abbiamo avuto situazioni in cui non sia stato rispettato l'ordine di chiamata".
Nel corso della commissione è stato ricordato che si sono verificati alcuni problemi per la prenotazione dei vaccini. In merito ha risposto la dottoressa Massei che ha precisato: "C'è stato un problema, non dipendente da noi, con l'apertura alle prenotazioni sia in ambito locale che in ambito regionale. Ma anche in questo caso la situazione si è risolta".
Nel corso della commissione sono state chieste ulteriori delucidazioni sulla vaccinazione in ambito scolastico, per i professori che affronteranno gli esami di Stato, sulle prenotazioni e sulla comunicazione con il cittadino.

La commissione integrale è nel link qui sotto



© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News