Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 05 Agosto - ore 22.46

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Tribunale del malato: "Sulle cadute in ospedale ci salverà un modulo?"

"Pronta nuova mobilitazione sotto la sede dell'Asl".

richieste alla direzione
Ospedale Sant'Andrea

La Spezia - "La misura è veramente colma. Ora basta! Il direttore generale dell’ASL la deve smettere di fare il “pacificatore” su ordine del presidente della Regione. Di fronte alla cadute di pazienti in ospedale per mancanza di personale, non si può rispondere a chi lavora in trincea che le cadute non ci sono state perché non è stato compilato un modulo. E questa sarebbe la managerialità invitaci dalla Regione per risolvere gli storici problemi della nostra ASL?". Così in una nota Cittadinanzattiva e Tribunale per i diritti del malato, che proseguono: "E che dire delle solite risposte del direttore generale che anche se si fanno i concorsi non ci sono partecipanti?. Abbiamo già sentito più volte questa litania, e siamo stufi!. Caro direttore generale, come mai nella ASL 2 – da dove lei proviene – è stato bandito un concorso per sei ginecologi e sono arrivate 29 domande? Forse perché nella ASL 2 hanno bandito il concorso a tempo indeterminato e non come in ASL 5 solo per tre anni! Cos’hanno di meglio nella ASL 2? Sono più furbi?. Sicuramente più furbo è stato il presidente della Regione, sostituendo il precedente commissario (chiusa nei suoi uffici senza ascoltare nessuno ed abbiamo visto i risultati) con un nuovo direttore “pacificatore” che ascolta, dice magari anche di si, ma poi ai discorsi non fa seguire i fatti. Qualche esempio: dal 15 maggio (data dell’ultrasollecitato ed unico incontro TdM – direzione ASL) siamo ancora in attesa di avere: risposte, chiarimenti o azioni correttive su 24 segnalazioni di cittadini (dalle prenotazioni, ai referti dei tamponi, alle informazioni sulle vaccinazioni, fino ad arrivare ad una grave segnalazione inerente il reparto di urologia condivisa addirittura dai medici di quel reparto); risposte in merito al recupero degli screening oncologici, in particolare di quelli mammografici; risposte in merito alla regolamentazione delle visite dei parenti nei reparti in epoca covid;
risposte in merito al recupero di ca. 1.200 interventi non effettuati in epoca covid perché il poco personale destinato all’emergenza (mentre altre ASL, con idonea dotazione di personale, hanno già recuperato l’arretrato); Caro direttore generale, per avere queste risposte dobbiamo confidare anche noi su un modulo? Accogliamo quindi l’invito del Nursind e, a differenza del direttore generale, proponiamo un’azione concreta: una nuova mobilitazione sotto la sede dell’ASL, senza escludere il ricorso alla magistratura e confidando nella rottura della cortina di silenzi di buona parte dei nostri Sindaci".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia




FOTOGALLERY






















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News