Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 17 Aprile - ore 13.54

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Superbonus 110 per cento "rallentati" dagli archivi edilizi cartacei

Il presidente del Collegio dei geometri e dei geometri laureati: "Il problema è generalizzato, purtroppo l'informatizzazione non è ancora stata presa del tutto in considerazione in Italia".

Le differenze tra centro e periferia
Panorama della città

La Spezia - Dopo l'estate è scattata per centinaia di migliaia di italiani la ricerca al superbonus 110 per cento. La misura, introdotta a maggio, è stata declinata e perfezionata con l'andare delle settimane, di circolare in circolare, sino all'entrata in vigore effettiva, arrivata con l'applicabilità delle norme che mirano a rendere più efficienti e più sicure le abitazioni senza far tirar fuori un euro ai proprietari. L'importo, infatti, viene recuperato dalle imprese o dagli istituti di credito tramite il credito d'imposta.
Il meccanismo non è dunque propriamente semplice, ma a questo si aggiungono le lungaggini nella fase di verifica e gestione delle pratiche edilizie. Un problema che diverse testimonianze giunta alla nostra redazione attribuiscono alla necessità di consultare gli archivi, presenti solamente in forma cartacea.

"Purtroppo l'informatizzazione - spiega a CDS Stefano Giangrandi, presidente del Collegio dei geometri e dei geometri laureati della Spezia - non è ancora stata presa del tutto in considerazione nel nostro Paese".

Molti hanno il timore di non riuscire a completare in tempo la percentuale di lavori necessaria per ottenere il bonus...
"Certo, bisogna fare molta attenzione alla variabile tempo, ma bisogna sottolineare che i professionisti cercano di fare il meglio possibile: quando l'appuntamento viene dato dopo un mese o anche di più, purtroppo non ci sono reali alternative".

Alla Spezia bisogna attendere settimane prima di poter consultare l'archivio...
"Il problema è generale, non c'è solamente alla Spezia. Anzi, gli uffici spezzini sono stati potenziati con l'aumento degli istruttori e l'incremento del personale addetto all'archivio edilizio, anche in seguito a un dialogo con la nostra categoria. Purtroppo è come un imbuto: se la richiesta è troppo elevata risulta difficile fornire delle risposte".

Cosa stanno facendo in questo periodo i geometri?
"Quello che si sta svolgendo ora è un lavoro di preparazione, dietro le quinte. Bisogna istruire le pratiche ed essere a punto sotto il profilo urbanistico e catastale. Di fatto questa è una fase ricognitiva, solamente pochissimi colleghi sono già riusciti ad avviare gli interventi in condizione di superbonus".

Le condizioni sono uguali per tutte le abitazioni?
"Nei centri storici è certamente più difficile, mentre risulta possibile nelle periferie e per unità abitative monofamiliari o bifamiliari. Per un condominio in Via del Prione è quasi impossibile avere le caratteristiche per accedere al superbonus. Infatti in città molti stanno cambiando orizzonte guardando con più favore al bonus al 90 per cento che è più agile e rapido. Facciate, balconi, rasature... sono lavori che possono essere svolti senza grandi problemi con questa modalità".

Le manutenzioni, un tema che è ancora più di attualità dopo il crollo di un balcone in Corso Cavour. E non è l'unico che si ricordi negli ultimi anni.
"La Spezia è stata in buona parte ricostruita dopo la guerra. E' evidente che interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria debbano essere presi in considerazione con maggiore frequenza. E' anche un modo per consolidare o accrescere il valore immobiliare, non solamente un costo. Anche questo è uno degli scopi dell'emanazione di questi bonus".

Da fuori sembra che la vostra categoria sia in continua evoluzione. Ce lo conferma?
"Cerchiamo di conformarci ai momenti storici. Abbiamo accolto come un'opportunità non solo professionale ed economica questa scelta del governo. Ci mettiamo a disposizione del territorio e della società per centrare tutti insieme le best practice. Quello che stiamo facendo negli ultimi anni è un buon lavoro, che viene premiato dai numeri: a livello nazionale c'è stata una crescita costante, a dimostrazione dell'appeal che stiamo guadagnando. E di questo dobbiamo anche ringraziare il nostro concittadino Maurizio Savoncelli, confermato per il secondo mandato consecutivo presidente del Consiglio nazionale dei geometri e dei geometri laureati, una persona virtuosa e che dà lustro alla categoria e alla città".

Quali sono le caratteristiche distintive del vostro lavoro?
"Siamo legati a doppio filo al territorio e siamo spesso percepiti come la figura che risolve i problemi legati alla casa. Stiamo svolgendo con grande partecipazione la formazione continua, anche perché dobbiamo essere sempre aggiornati e preparati su ogni argomento".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News