Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 18 Giugno - ore 21.32

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Pubblica assistenza della Spezia proclama lo stato di agitazione

Legge servizi funebri, oggi si è tenuto l'incontro con Fp Cgil e Cisl Fp. Il vice preside della Pa Bianchi: "Seguiamo una strada tutti insieme". Sindacati: "Il tempo stringe, siamo preoccupati".

chiesto incontro col prefetto
Pubblica assistenza

La Spezia - Le sorti della Pubblica assistenza della Spezia sono appese a un filo. Mai come adesso il tempo stringe tanto che la storica associazione di Via Carducci dichiarerà lo stato di agitazione ed è pronta a procedere con uno sciopero. Oggi pomeriggio si è tenuta una riunione assieme ai sindacati Fp Cgil e Cisl Fp che hanno accolto le istanze di volontari e vertici dell'ente sul tema della legge regionale sui servizi funebri, per la quale c'è attesa in vista dell'audizione, in commissione Sanità a Genova, calendarizzata al 31 maggio. A questa iniziativa segue una lettera al prefetto della Spezia Maria Luisa Inversini.

"Se la legge non venisse cambiata - hanno spiegato i volontari - l'ente verrà completamente rivoluzionato con il rischio di non poter garantire i servizi di prima necessità e l'aiuto ai nuclei in difficoltà. Non possiamo dimenticare i dipendenti che possono fare affidamento alla stabilità delle proprie famiglie. Con i nostri 15 mezzi ausiliari e 6 ambulanze riusciamo a dare il nostro contributo. Se si avanzano altre alternative per noi non è accettabile. Non ci resterà che impugnare la legge".
Inaco Bianchi, vice presidente della Pubblica assistenza della Spezia ha fatto appello all'unità di intenti: "Organizziamoci per fare qualcosa tutti insieme e cerchiamo una strada da percorrere".
Per Fp Cgil Marzia Ilari ha illustrato le possibili strategie da adottare al fine di tenere alta l'attenzione: "Con la data del 31 maggio si potrebbe avere un'indicazione in più sul futuro. La prima proposta è aprire lo stato di agitazione. Abbiamo già concordato come segreterie provinciali per ottenere un incontro con il prefetto e arrivare a un tavolo che coinvolga anche la Regione e il sindaco della Spezia. Da qui al 31 possiamo attivare l'attenzione mediatica e fare capire al prefetto le nostre ragioni. Siamo consapevoli che senza il cambio della legge ci sarà la rivoluzione e andrebbe a perdersi il percorso virtuoso condotto fino ad oggi. Chiederemo che ci sia un'accelerazione sulla legge e le alternative nel caso con la fiducia che venga modificata".
Fabio Cidale, della Cisl Fp ha dichiarato: "Dobbiamo mettere in capo tutte le armi possibili. Noi vogliamo che la Pubblica assistenza non cambi. Conoscendo i vostri servizi non possiamo lasciare per la strada un'intera fascia di popolazione. Serve un'azione più incisiva e dobbiamo avere il coraggio di farla. C'è bisogno che la commissione regionale produca un lavoro. Non possiamo rischiare situazioni pericolose. Chi si è preso un impegno con voi, deve portarlo a termine. Non scherziamo, la Pubblica assistenza è patrimonio di tutti".
Daniele Lombardo segretario Generale di Fp CGIL ha aggiunto: "Indipendentemente dall'esito della seduta del 31 dobbiamo già programmare un presidio a Genova. La pressione va fatta adesso. Va fatta rialzare l'attenzione nei vostri confronti".

Sono i numeri stessi a raccontare meglio di tante parole cosa rappresenta la Pubblica Assistenza spezzina: solo nel 2020, l’anno drammatico della pandemia, sono state consegnate gratuitamente quasi 3000 spese a famiglie in difficoltà, sono stati fatti oltre 8 mila trasporti ordinari e di emergenza sanitaria. 104 sono le famiglie assistite e 1381 le cene consegnate per i senza fissa dimora, 32 i funerali svolti per famiglie in difficoltà a prezzo sociale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News