Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 20 Aprile - ore 15.06

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Prenotazioni vaccini, Cavagnaro: "Agende diverse, tempi diversi"

Il direttore generale di Asl5 spiega a Città della Spezia i motivi di alcune incongruenze nelle tempistiche degli appuntamenti rispondendo ad alcuni interrogativi dei lettori.

Le testimonianze

La Spezia - “Avrei potuto prenotarmi on line lunedì sera dopo le 23, ma avendo l'opportunità della prenotazione in farmacia, non l'ho fatto. Ieri mattina ero il secondo in fila davanti alla farmacia Tapparo. Il vaccino lo farò il 27 maggio in farmacia. Le alternative (Sarzana o ex Fitram) sono dopo luglio.
Dicono che il vaccino è l'arma per contenere il contagio e poi i tempi sono questi. Certo, i motivi sono tanti ma un amico di Genova che s'è prenotato on line la scorsa notte ha avuto l'appuntamento per il prossimo 19. Domanda: è una comica o scontiamo il fatto che la nostra provincia, al di là del numero di abitanti, è quella che gode di minori finanziamenti da parte del governo regionale?”, chiede Alberto a CDS, in una delle numerose email di lamentela sulla tematica delle prenotazioni dei vaccini che sono giunte in redazione negli ultimi giorni.
Fabio, che invece ha avuto esperienza diretta dell'hub genovese e a causa del rischio di mancato distanziamento teme che un cluster nasca proprio laddove dovrebbe essere messa fine alla pandemia, spiega di avere in famiglia, alla Spezia, “una 92enne, una 88enne e un 89enne, prenotati con la procedura attivata dalla Asl 5, che riceveranno la prima dose vaccinale il 12 aprile. Quindi come da proclami e da parate mediatiche, tutto bene!?”, domanda sarcastico.
Un sentimento condiviso con Alessandra, che si sente presa in giro. “L'altra sera alle 23 puntualmente mi sono collegata al sito della Regione Liguria dedicato alla prenotazione dei vaccini per la fascia di età 70/74 anni. Ho scelto questa modalità per maggiore comodità e per evitare code in farmacia ; il programma ha funzionato benissimo in modo veloce ma... la data indicata per il vaccino è stata il 5 luglio. Ho pensato ad un tempo molto lungo, ma giustificato dal numero delle persone da vaccinare. Invece stamattina ho appreso che chi ha prenotato in farmacia senza ricorrere a sistemi telematici, ha avuto l’appuntamento per fine maggio! A questo punto mi sento un po’ presa in giro ..... non so se e’ dipeso da qualche problema tecnico, ma al momento devo aspettare 3 mesi. Sbandierare successi e percentuali positive serve a poco se poi ci sono queste anomalie...”, commenta.
Un'altra testimonianza è quella di Gianandrea, paziente ultrafragile che ha ottenuto l'appuntamento a soli 9 giorni dalla telefonata di Asl 5. “Mentre io sono dentro per l'iniezione, mia moglie, fuori, si offre come sostituta di uno degli assenti. Il vaccino c'è, l'avente diritto non è presente, le dosi non usate pare vengano buttate. Mia moglie da tempo chiede di essere vaccinata, è insegnante di primaria che ha lavorato e lavora sempre in presenza. Ma si sente rispondere che no, il protocollo non lo permette. Le dosi di vaccino vanno buttate. In altre regioni pare si vaccini anche chi non è in elenco, se avanzano delle dosi. E’ così difficile fare liste last minute? Chiedo alla Regione Liguria di evitare per come è possibile la rottamazione delle dosi di vaccino”.
E infine c'è Stefano che ha prenotato ieri attraverso la piattaforma il vaccino per la madre 72enne e ha ricevuto appuntamento per agosto. “Come è possibile che prenotando il primo giorno un
cui è possibile prenotarsi, il primo giorno disponibile sia il 12 agosto? I più giovani quando verranno vaccinati? Le autorità pubblicizzano che entro l'estate saremo tutti o quasi vaccinati, com'è possibile riuscirci con queste tempistiche?”.

Molte domande e altrettante lamentele che spesso e volentieri prendono di mira la Regione, che tramite Alisa coordina le attività e dà il via alle prenotazioni per le diverse fasce d'età, ma che pare proprio abbia anticipato troppo i tempi, visto che alcune categorie e fasce d'età potrebbero ricevere la prima dose in anticipo rispetto a molti over 80.
Ne abbiamo parlato con il direttore generale della Asl 5, Paolo Cavagnaro, impegnato in questi giorni con i suoi collaboratori ad allestire gli hub vaccinali in provincia per imprimere una accelerazione alle operazioni.
“Per quanto riguarda gli over 80 - spiega - abbiamo subito la corsa alla prenotazione che c'è stata al momento dell'avvio della prenotazione online da parte della Regione, mentre erano già state compilate e restituire le lettere inviate dai Comuni in accordo con Asl. Però posso dire che entro il 31 maggio tutti gli over 80 della provincia (non a dimicilio) avranno ricevuto la seconda iniezione”. Il numero uno di Via Fazio prosegue ripercorrendo le tappe che hanno portato alla situazione odierna. “Dopo aver dato il via alle prenotazioni da parte dei medici di base i numeri sono stati contingentati perché non c'erano vaccini a sufficienza, riducendo così a 1.500 vaccinazioni a settimana per ultrafragili e la fascia d'età 75/79. Nel frattempo sono stati vaccinati tutti gli operatori sanitari, delle forze dell'ordine e delle Rsa e poi è stato dato il via anche alla fascia d'età 70/74 con l'implementazione delle agende fornite a Liguria digitale. E' ovvio che agende diverse generano tempi di attesa diversi. Non è una scelta nostra e una parte dei ritardi deriva dalla scarsità di vaccini. Le dosi di AstraZeneca che dovevano arrivare ieri arriveranno venerdì, per esempio. Quello che posso dire è che stiamo cercando di porre rimedio in ogni modo a eventuali disguidi, anche inserendo eventuali nuove adesioni da parte degli over 80 nelle liste delle fasce d'età inferiori”. Infine una rassicurazione per quanti attendono la vaccinazione a domicilio: “Non appena riceveremo le nuove dosi di Moderna avvieremo anche questa tipologia di somministrazione: stiamo lavorando per mettere in campo quattro squadre, così da fare il tutto nel minore tempo possibile”.

Per tanti che si trovano a fare i conti con un calendario che non passa mai ci sono anche alcuni che non hanno di che lamentarsi. "Ho prenotato tramite il medico curante una settimana perché ho delle patologie che mi classificano come fragile - spiega Massimo ai taccuini di CDS, davanti alla porta del centro vaccinale dell'ex deposito Fitram - e oggi sono qua per ricevere la mia prima dose di AstraZeneca. E sono tranquillissimo".
Pochi istanti dopo la volontaria della Pubblica assistenza chiama dieci paziente all'interno. Qualcuno non è presente e si fa passare che avrebbe dovuto entrare dopo. Per loro l'immunità è vicina. Per avere quella dell'intera popolazione ci sarà da aspettare. E se non si smetterà di rincorrere ci si arriverà con l'aggravante della confusione che alla Spezia e in Liguria regna sovrana da settimane.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News