Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 12 Aprile - ore 22.16

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Mazzini, ora una cabina di regia permanente

C'è un futuro da scrivere per la Rsa di Viale Alpi: Comune, Asl5 e i sindacati decisi a prendere in mano la situazione. Confederali: "Attenzione resta alta per i 120 lavoratori".

posti di lavoro e continuità
Rsa Mazzini

La Spezia - Quale futuro per la Rsa Mazzini? Da tempo l'interrogativo necessita una risposta e da oggi il Comune della Spezia, di conconcerto con Asl5 e sindacati, ha istitutito una cabina di regia permanente con il fine di dare continuità alla storia della struttura, di garantire la qualità del servizio e di tutelare tutto il personale. La gara di affidamento della concessione della struttura “Rsa Mazzini” fu progettata nel 2015 e aggiudicata nel 2020 alla Cooperativa Kcs Caregiver. Dallo scorso 1° ottobre Kcs è subentrato nella gestione della struttura per poi manifestare la volontà di rinunciare all’affidamento. A seguito di quanto prospettato, sono in corso le verifiche procedurali all’interno del bando di gara: Asl5 e Comune hanno iniziato immediatamente un’interlocuzione per trovare una soluzione comune volta a salvaguardare gli operatori che lavorano nella Rsa Mazzini e il servizio destinato agli ospiti. L'azienda sanitaria di Via Fazio certifica l'impegno eventuale a dare avvio alle procedure per identificare il nuovo soggetto gestore al fine di garantire la continuità dell’attività della Rsa quale l’obiettivo condiviso fra Asl e Comune di mantenere viva e presente una struttura che è un’istituzione e un’eccellenza per i cittadini della Spezia.

“Bene la cabina di regia per la Rsa Mazzini, la “pulizia” della struttura ed il recupero della sua funzione di RSA no covid; ma l’attenzione resta alta per i 120 lavoratori.” Così Luca Comiti, Cgil, Franca Passoni, Fp Cgil, Mirko Talamone, Cisl, Marco Furletti, Uil, Massimo Bagaglia, Uil Fpl, e che continuano: “L'uscita di Kcs dalla gestione apre uno scenario di incertezza; fondamentale sarà la risposta che Asl 5 darà al seconda classificata del bando della precedente gara, azienda sulla quale avanziamo forti perplessità; sarebbe invece per noi preferibile il ritorno alla gestione diretta con appalto di servizio Rsa e ristrutturazione gestiti da Asl 5 e comune della Spezia. Ad oggi ci sono 120 lavoratori di diverse tipologie, infermieri, Oss, addetti pulizie, centralinisti, lavanderia, in cassa integrazione da mesi. Sono quindi fondamentali le tempistiche per la ristrutturazione per il primo e secondo piano, ma soprattutto sono necessari tempi straordinari per un eventuale nuova gara a partire dai 40 posti di Rsa del terzo piano. Chiunque subentrerà nella gestione dovrà garantire la continuità occupazionale della totalità dei lavoratori e durante questo periodo di interregno, con la gestione di Asl 5 e Comune, nessuno dei lavoratori dovrà essere privato degli ammortizzatori sociali".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News