Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Giugno - ore 23.13

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

La Maggiolina, nel cuore del parco un bar speciale per l'inclusione | Foto

Oggi il taglio del nastro. Lo scopo del progetto è coinvolgere e aiutare categorie fragili: dai servizi di ristorazione all'arredamento.

si riparte!
Bar La Maggiolina

La Spezia - Nel cuore del Parco XXV aprile, lato sud, rinasce il chiosco bar "La Maggiolina: cibo, socialità, cultura". A gestirlo è la cooperativa Lindbergh che proseguirà l'attività tre anni, con possibilità di prolungare l'esperienza per altri tre dopo la vittoria di un bando emesso dal Comune della Spezia. Questo pomeriggio si è tenuto il taglio del nastro. Il sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini, accompagnato dagli assessori Manuela Gagliardi e Lorenzo Brogi ha detto: "E' un progetto bello, umano. Rispecchia lo spirito di questa amministrazione: coinvolgere tutte le fasce sociali per far vivere gli spazi comuni. Lo abbiamo fatto qui, alla Pinetina e al Dialma Ruggiero. Sono progetti importanti che, come in questo caso, coinvolgono anche persone che potrebbero essere emarginate se non diamo loro il giusto sostegno. E' un'occasione per tutti. La ripartenza deve essere di tutti".
Il bar sarà aperto tutti i giorni dalle 7 alle 21 con la possibilità di fare colazioni, pranzi e apertivi. A illustrare le particolarità del progetto è stato Ciro Picariello presidente della cooperativa: "Parte un'avventura che potrebbe durare fino a sei anni. Il progetto rispecchia le nostre caratteristiche: lavorare per l'inclusione, integrazione e dare la possibilità ai ragazzi dei nostri centri un'opportunità di occupazione. Tutti i mobili e gli accessori sono stati realizzati dai nostri educatori e dai ragazzi che hanno partecipato ai laboratori dei nostri centri come Asso, Centro Diversamente mobili e con il Centro Nuovo volo di Ceparana che ha preparato il corredo da tavola. Inoltre i tavoli sono un esempio di integrazione: sono il frutto del lavoro dei ragazzi impegnati nella falegnameria di Diversamente mobili e dei lavoratori di Metallica srl di Riccò del Golfo, detenuti nel casa circondariale di Villa Andreino. Tutto quello che vedete oggi è la rappresentazione dell'impegno corale e lo scopo del nostro lavoro. Abbiamo già un calendario di iniziative molto ricco a partire dall'evento che si terrà domani con Renzo Cozzani, che cambierà i panni da educatore a musicista. E' coinvolta anche Cocea che metterà in vendita i suoi prodotti da agricoltura biologica. Si alterneranno anche le associazioni sportive. Il progetto mette insieme tante realtà anche per un utilizzo più consapevole del parco".
Tra le iniziative degustazioni e giornate a tema, incontri, corsi e allenamenti per ogni età, dalla ginnastica, al tai chi, alla danza, al parkour; presentazioni e incontri con gli autori; laboratori per i più piccoli, concerti e musica. Il chiosco offre un servizio al tavolo e da asporto, dalla colazione agli aperitivi, la filosofia è quella della qualità e genuinità, con una particolare attenzione ai temi della sostenibilità e la ricerca di prodotti del territorio. Un pranzo, la merenda nel pomeriggio, un aperitivo o un brunch, ogni momento è buono per passare dalla Maggiolina, godersi il parco e la quiete, da soli o in compagnia. Tra i curatori delle iniziative anche Cinzia Aloisini: "L'obiettivo è quello di dare più possibilità di incontro all'interno del quartiere ed è l'occasione per renderlo anche un luogo di proposta culturale, di attività e iniziative. Guardiamo ai bambini con una serie di attività anche di lettura. Si terranno anche presentazioni di libri e autori in collaborazione con Auser, Daniela Senese poi ci parlerà di benessere. Poi ci saranno tante occasioni di sport".
Il chiosco inaugurato oggi nasce delle ceneri del "Dancing La Maggiolina". Ecco la storia raccontata da Anna Maria Barini, figlia dell'imprenditore che lo gestì. "Il Dancing la Maggiolina - spiega Anna Maria Barini -è strettamente legato alla figura di Attilio Barini, scomparso nel 1992, ingegnoso imprenditore amante della musica. Ancora ragazzo suona il flauto e l’ottavino nella banda S. Cecilia, in seguito, come batterista di un complesso, si esibirà con successo in tutta la Provincia e, durante il servizio militare di leva, suona il flauto traverso nella banda della Marina, diretta dal maestro Aghemo. Appassionato di musica lirica, dotato di una bella voce tenorile diventa socio fondatore e sostenitore della banda G. Puccini. Nel 1935 viene arruolato come sommergibilista. Congedato nel maggio del 1945, costruisce, con le sue mani, su un appezzamento di terreno concessogli dal Comune e riempito con le macerie belliche, un chiosco per la vendita di bibite e gelati che presto trasforma nel dancing La Maggiolina, nome attribuitogli dal musicista e pittore Manlio Argenti".
"Il locale era ubicato in viale Italia angolo corso Nazionale - spiega ancora -. In un primo tempo era costituito da una pista da ballo in graniglia e una nicchia per l’orchestra che ospitava l’affresco a smalto Il mare dei suoni del pittore E. S. Aprigliano mentre, alla fine degli anni Cinquanta, fu costruita una tettoia e completata la chiusura perimetrale con pareti smontabili a seconda della stagione. Suo padre Luigi, nel frattempo, aveva realizzato, intorno alla pista, uno splendido giardino interrando piante adulte che ci sono tuttora. Il locale era un salone unico, decorato con pannelli di M. Argenti e di F. Levi, di circa duecento metri quadrati col bar che si apriva sia all’interno che all’esterno. La Maggiolina era circondata dal lato mare da campi coltivati con case coloniche e stalle, a monte da depositi vari, parcheggi per autotreni e, più in basso, da orti e un campo di tiro al piattello. La Maggiolina è stata una fucina per i musicisti spezzini. In esso si sono alternati vari complessi ed orchestre per il divertimento di tanti giovani che ne avevano fatto il loro ritrovo preferito".
"Tra gli artisti - racconta - ricordiamo Argenti, Biso, Imparato, Lombardi, Termine, Landi, Massa, Guatelli, Michi, Agresti, Florio, Conti, Bonazza, Parisi, Canalini, Parlanti, e famosi cantanti di livello nazionale ed internazionale presentati da Luciano Resta, Franco Levi (che era anche il direttore di sala) e da A. Nosei, che allietavano le serate degli amanti del ballo e della buona musica. Durante la bella stagione le pareti mobili si aprivano sugli ombrosi giardini per accogliere nonni e nipoti mentre, dopo la passeggiata serale, intere famiglie non mancavano di fermarsi per gustare il famoso gelato. Molte iniziative ne hanno caratterizzato l’attività: selezioni di miss, concorsi di canto, feste di Carnevale, feste dello sport; inoltre fu tra i primi locali, negli anni Cinquanta ad offrire ai propri clienti la “Televisione”. Innumerevoli Spezzini ne hanno usufruito per festeggiare le loro ricorrenze. Era, in sostanza, un vero ritrovo a carattere familiare, un “respiro di sollievo” dopo i lunghi anni della guerra. La Maggiolina fu abbattuta mentre era ancora in piena attività, il 10 gennaio del 1967. Al suo posto, ora, c’è il Parco 25 Aprile, ma tutti gli Spezzini lo chiamano Parco della Maggiolina anche se, molti di loro, non sanno il perché".

Partecipano al progetto: Centro Polivalente A.S.S.O. Laboratori in Rete – Comune della Spezia; Laboratorio di Falegnameria “Diversamente Mobili”; Centro Socioeducativo “Il nuovo Volo”; Libreria “Il libro dei Sogni”; Auser La Spezia; Montag – Il circolo dei Lettori - Auser Cultura La Spezia; UISP La Spezia; A.s.d. C’era una Volta, A.s.d. Scuola per l’utilizzo del Ki; A.s.d. Ginnastica Canaletto "Street City Project; Cooperativa C.O.C.E.A.; EverGreen - Progetto di agricoltura sociale per l’inserimento lavorativo; A.s.d. Circo Galleggiante; Coop Liguria; A.s.d. Naturalmente – La Spezia; Slow Food – Presidio La Spezia Golfo dei Poeti; G.S. Rudy Project – La Spezia; Ciclo Point – La Spezia.
Per informazioni sulle iniziative, il calendario degli eventi, prenotazioni è possibile contattare i gestori al 389 941 2944, oppure via email all’indirizzo lamaggiolina@cooperativalindbergh.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Fotogallery

Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News