Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 12 Maggio - ore 19.48

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Enel: "Impianto a turbogas spezzino ha ruolo chiave"

L'azienda risponde alle richieste di chiarimenti e integrazioni mosse da parte del ministero della Transizione ecologica: 38 pagine senza cedere di un centimetro.

Procedimento di Via

La Spezia - "Secondo quanto riportato dal Pniec, per consentire la dismissione degli impianti a carbone esistenti, il sistema elettrico nazionale avrà bisogno di un mix di nuove risorse per garantire la capacità sufficiente per consentire la gestione in sicurezza del sistema elettrico. Pertanto solo attraverso la realizzazione del nuovo impianto a gas, sarà possibile contemplare scenari rapidi di chiusura del carbone". Come già avevano fatto i tecnici di Terna (leggi qui), anche quelli di Enel associano la chiusura del gruppo a carbone in tempi brevi con la realizzazione del nuovo impianto a turbogas. Lo stralcio riportato è contenuto nel documenti con cui l'azienda ha comunicato al ministero della Transizione ecologica le integrazioni e i chiarimenti richiesti e il legame tra il progetto del gruppo a gas e l'addio al carbone è ancora più saldo che in altri frangenti. Questa volta, infatti, non si parla di compensazione della riduzione di capacità produttiva, che potrebbe essere ottenuta con l'avvio di altre centrali a gas, ma proprio della realtà spezzina attuale e di quella futura.

Enel risponde punto per punto a tutte le richieste del ministero, nell'ambito della procedura di Valutazione di impatto ambientale.
Prima di tutto, in fatto di soluzioni alternative, l'azienda mette subito in chiaro che a causa dell'aumento della domanda e della contestuale riduzione della produzione "è maggiore il rischio di non disporre di risorse sufficienti per coprire i picchi di carico e per garantire l'adeguatezza del sistema e la qualità del servizio. Senza azioni correttive questa tendenza proseguirà portando il sistema elettrico in condizioni di esercizio sempre più
critiche ed esponendo il sistema a rischi di black out". E aggiunge: "il decommissioning totale del carbone dovrà essere accompagnato da una almeno parziale riconversione a gas degli impianti attuali (con particolare attenzione alla zona Nord)". Ancora, guardando agli scenari previsti dallo Stato e dall'Ue: "La generazione di energia da gas continuerà ad essere necessaria risultando, al 2030, pari a circa il 30% della domanda di energia del sistema italiano nello scenario più ottimistico di penetrazione da fonti rinnovabili. L’unità della Spezia in questo quadro svolgerà un ruolo chiave per consentire il phase-out della generazione a carbone e ai fini dell’adeguatezza e dell’equilibrio del sistema elettrico e, grazie alle elevate performance d’impianto, sostituirà parte della produzione degli impianti meno efficienti e performanti". Concetti già noti, che l'azienda riprende anche dallo stesso Pniec.
Inoltre Enel spiega le ragioni dell'impossibilità di prevedere un impianto di dimensioni inferiori (la tipologia di stabilimento scelta, più efficiente, non lo consente) e sottolinea il ridimensionamento dell'impatto ambientale tra il carbone e il gas, con l'azzeramento del particolato primario e dei solfati e la riduzione di nitrati e ammonio.

Le risposte dell'azienda riguardano anche l'indagine epidemiologica, con riferimento ad un allegato non consultabile, alle attività di cantiere, all'utilizzo di rocce e terre da scavo provenienti dalla demolizione dell'attuale centrale, sul diffusore di scarico... Ben 38 pagine di integrazioni che attendono di essere valutate dagli uffici del ministero, che procederanno così a esprimere il loro parere sul progetto. Con una città intera che attende interessata di conoscere il nuovo cronoprogramma dell'uscita dal carbone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News