Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Giovedì 15 Aprile - ore 20.13

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Dalla piazza virtuale a quella reale, Pubblica assistenza in presidio davanti al Sant'Andrea

Il presidente della Pa spezzina Frau: "Popolazione scioccata dagli effetti che potrebbe avere la legge sui servizi funebri". Da Lerici il sindaco Paoletti: "Senza modifiche potrebbe situazione potrebbe gravare anche sul bilancio comunale".

raccolte 1.600 firme
Raccolta firme della Pubblica assistenza della Spezia davanti al Sant'Andrea

La Spezia - La Pubblica assistenza è un ente pubblico e tale deve rimanere. E' questo il messaggio che anche questa mattina, davanti al Sant'Andrea della Spezia, la Pubblica assistenza ha rinnovato per non mollare la presa sulla legge regionale che rivede i servizi funebri.
Dopo il botta e risposta tra la Pubblica assistenza e Federcofit e il lancio di una raccolta firme su Change.org (leggi qui), l'ente scende in piazza portando l'iniziativa da una piazza virtuale a quella reale. E in poche ore, con il banchetto aperto poco dopo le 10, le adesioni erano quasi 100.
"Non ci fermiamo - sottolinea il presidente della Pubblica assistenza Andrea Frau -. Siamo scesi in piazza per coinvolgere anche le persone che non abbiamo potuto raggiungere con l'appello via web. Queste firme una volta terminata la raccolta, che andrà avanti fino al 22 marzo data in cui il tema approderà finalmente in commissione regionale, verranno consegnate in Regione. La cittadinanza ci sostiene e le persone sono quasi scioccate, come noi del resto, dell'effetto che questa legge potrebbe avere non solo sui servizi funebri ma su tutto il resto".
A sostenere la battaglia, per arrivare in tempi brevi al cambio della legge 15/2020, anche l'amministrazione comunale di Lerici. Il sindaco Leonardo Paoletti si è unito al presidio.
"Scendo in campo come sindaco perché parliamo di effetti concreti - ha spiegato il primo cittadino lericino -. Una struttura come quella della pubblica assistenza deve essere sempre operativa. Le fondazioni sono una branca importante del settore e garantiscono la sopravvivenza dell'associazione. Su questa legge è stato fatto un errore e bisogna intervenire il prima possibile. Non buttiamo la cosa in politica perché tutte le forze si sono espresse in maniera unanime e tutti però hanno riconosciuto l'errore. Sono fiducioso che i nostri colleghi della Regione interverranno. Se la nostra Pubblica assistenza perdesse forza dovrebbe intervenire direttamente e maggiormente il bilancio comunale. Teniamo presente che opera sia nei servizi sanitari, parasanitari ad esempio i trasporti. Non va dimenticato il loro operato anche in ambito di protezione civile: se c'è la necessità di spargere il sale per evitare che la gente scivoli interviene la Pubblica assistenza".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

L'appello all'interno dei locali degli uffici delle onoranze funebri della Pubblica assistenza della Spezia


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News