Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 13 Aprile - ore 12.37

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Anche le Assistenti di studio odontoiatrico chiedono il vaccino: "A stretto contatto con i pazienti"

In cerca di risposte
Dentista

La Spezia - "La nostra categoria è oggetto da ormai due mesi di una discriminazione lavorativa senza precedenti che sta passando totalmente sotto silenzio". A rivolgersi a CDS sono una trentina di Aso, Assistenti di studio odontoiatrico, che operano nella provincia spezzina e che non capiscono quale sia la logica che risiede nel vaccinare il personale sanitario e medico, ma non alcune categorie che, come gli Aso, condividono con medici e pazienti gli stessi ambienti e gli stessi rischi.

"Affianchiamo il medico nella sua prestazione professionale. Il nostro compito è l'accoglienza del paziente, la preparazione degli strumenti necessari e l'assistenza del medico alla poltrona, cioè nel momento di massima esposizione. Alla fine dobbiamo sanificare l'ambiente e sterilizzare gli strumenti usati. Il nostro lavoro - spiega Roberta Bertucci a nome di altre 28 colleghe - è classificato a rischio 4 (il massimo) poiché le nostre facce sono a pochi centimetri dalla bocca del paziente. Usiamo ovviamente dispositivi di protezione facciali per non venire a contatto diretto con saliva, sangue e più raramente vomito (causato a volte al paziente da intolleranza ai materiali da impronta)".

A inizio gennaio il direttore di Alisa, Francesco Quaglia, ha informato medici e odontoiatri liguri che a breve sarebbe partita la vaccinazione per medici e collaboratori di studio. Ma poi è stato arbitrariamente deciso di vaccinare solo gli odontoiatri escludendo le assistenti e gli altri collaboratori di studio-segretarie e addetti alle pulizie.
Dopo le promesse di due mesi fa le Aso spezzine hanno iniziato a chiedere chiarimenti.
"Asl 5 ci ha detto che attende l'invio della lista dei nomi delle persone da vaccinare, elenco che l'Ordine dei medici sostiene di aver inviato tre volte... Dal sindaco Pierluigi Peracchini abbiamo ricevuto una manifestazione di solidarietà, ma niente di più, mentre l'assessore alla Sanità Filippo Ivani ha detto che proverà a farci inserire insieme alle commesse di farmacia, ma anche che sarà una dura lotta in Regione".

In attesa di risposte concrete le Aso si sono rivolte a CDS: "Come è possibile che nello stesso ambiente fisico di lavoro due persone lavorino a stretto contatto e solo una sia ritenuta a rischio? In altre regioni gli studi medici sono stati ovviamente vaccinati in toto", ricordano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News