Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 07 Maggio - ore 11.51

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Una legge che rischia di portare gli eccessi edificativi anche nell'entroterra"

Intervento di Italia nostra, Legambiente e Vas.

DDL 59
Val di Vara

La Spezia - I firmatari di questo comunicato, riunitosi il 24 Aprile, ribadiscono il loro appoggio alle associazioni ambientaliste regionali che si stanno mobilitando contro il DDL 59/2021 proposto dalla maggioranza in Consiglio Regionale, che andrà in discussione domani, lunedì 26 aprile, nell’assemblea legislativa regionale. Il DDL 59 che, nelle intenzioni dichiarate, vuole essere una semplificazione ed un aiuto soprattutto per i Comuni dell’entroterra, rischia di diventare esattamente l’opposto, ovverosia potrebbe trasformarsi nell’ estendere all’entroterra proprio quei difetti ed eccessi edificativi che hanno spesso caratterizzato il territorio della costa! Infatti nell’articolo 9 della succitata proposta si aboliscono le previsioni di carattere insediativo del Piano Territoriale di Coordinamento Paesistico Regionale, per una serie di comuni che verranno indicati ma che già oggi possiamo ritenere essere quelli dell’entroterra ligure.
Tutto questo mentre la nuova definizione del,Piano Paesaggistico ligure, adeguando lo stesso al Codice del Paesaggio nazionale (Dlg 42/2004) latita e non vi è nessuna determinazione da parte della Regione Liguria di andare a una sua approvazione.
Ci risulta che anche la stessa Sovrintendenza ai beni culturali ligure, in sede di audizione presso la competente commissione in Consiglio Regionale, abbia espresso dubbi e perplessità sul DDL 59. L’assessore regionale all’urbanistica, in un tentativo maldestro di difendere il DDL e di far passare l’idea che sul tema dell’abrogazione del PTCP in molti Comuni liguri non vi sia nessun ruolo del Ministero della Cultura, ha gettato la maschera, citando Parchi, Siti di Interesse Comunitario, Piani di Bacino e tutele paesaggistiche come cose che “gravano” (testuali parole) sul territorio e non invece come tutele, strumenti operativi e condizioni di opportunità per uno sviluppo sostenibile!
Sarebbero invece utile aiutare l’entroterra con strumenti adeguati, finanziari e di personale tecnico specializzato, di cui spesso sono privi, al fine di superare agevolmente i limiti burocratici e di pervenire correttamente alla formulazione dei loro specifici piani, ma nella cornice e nel rispetto di quanto previsto dalle tutele paesaggistiche, strumento di maggiore coordinamento e salvaguardia ambientale di cui possiamo disporre e che sarebbe dannoso deregolare!

Il responsabile di Italia Nostra La Spezia
Luca Cerretti

Il presidente di Legambiente La Spezia
Stefano Sarti

Il responsabile dei VAS La Spezia
Franco Arbasetti

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News