Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 17 Maggio - ore 11.06

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

"Stop Astrazeneca ha creato ansia nei pazienti ma siamo pronti a ripartire"

Maria Pia Ferrara (Medici di medicina generale): "Parlano i dati scientifici. Per noi è stato un anno difficilissimo, siamo stati impegnati su tutti i fronti". Medici di famiglia non si occuperanno di prenotazioni 75-79 anni.

sede vaccinale anche a follo
Maria Pia Ferrara

La Spezia - Dopo il via libera da parte di Ema lunedì ripartirà anche in Liguria e nella nostra provincia la somministrazione di vaccino AstraZeneca interrotta inaspettatamente lunedì dopo la decisione assunta da Aifa. “Stiamo aspettando le ultime disposizioni da parte della Regione – spiega a CdS Maria Pia Ferrara, segretaria della Federazione dei medici di medicina generale della Spezia – sono stati migliorati alcuni aspetti organizzativi e siamo pronti a ripartire da lunedì nelle sedi già preventivate (La Spezia, Sarzana, Levanto e Brugnato) alle quali dai prossimi giorni si aggiungerà anche Follo. Indubbiamente quanto accaduto in questi giorni – prosegue – ha creato molta ansia fra i pazienti che, in alcuni casi, ci hanno ripensato oppure stanno ancora valutando cosa fare. Noi continuiamo a sostenere che sono i dati scientifici che parlano, sono state fatte attente valutazioni e siamo convinti che il vaccino AstraZeneca non vada demonizzato. Ricordo – aggiunge Ferrari – che noi non ci occuperemo delle prenotazioni per le vaccinazioni dei pazienti 75-79 anni, gli interessati non dovranno rivolgersi al medico di famiglia ma contattare il numero verde (800 938 883), accedere al portale dedicato oppure recarsi al Cup”.

“Per noi è stato un anno difficile – afferma ancora – e continua ad esserlo perché quotidianamente lavoriamo in condizioni complicate visto che dobbiamo gestire le vaccinazioni, i pazienti Covid a domicilio, i tamponi negli ambulatori e ovviamente seguire i pazienti con altre patologie che in questi dodici mesi non si sono fermate. Ci siamo dovuti abituare a ritmi nuovi e ai tempi imposti dalle norme di sicurezza”.
In merito infine alle “zone carenti” appena segnalate, come da prassi, da Asl5 a Regione Liguria per i prossimi mesi Ferrara conclude: “Contrariamente ad altri luoghi della regione in cui ci sono carenze, nel nostro territorio i medici di medicina generale ci sono, al netto dei pensionamenti già segnalati nel documento. Il vero problema riguarda la programmazione statale e regionale, abbiamo la necessità di avere specialisti nelle classi mediche e più borse per il corso di formazione di medicina generale”.
Nello specifico pensionamenti e zone primarie riguarderanno i comuni della Spezia, Arcola, Castelnuovo Magra, Beverino e Vernazza mentre i turni interesseranno Pediatria Libera scelta, Continuità Assistenziale e Casa circondariale e infine un turno di emergenza sanitaria presso il 118.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News