Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 11 Maggio - ore 22.13

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

“Sia il primo giorno di una vera partenza”

di Pierluigi Peracchini

"non ci sono lavoratori di serie a e b"
Pierluigi Peracchini

La Spezia - “Se non vogliamo che il 1° Maggio diventi una festa a metà per i lavoratori, dobbiamo rimboccarci seriamente le maniche, per ridare significato, senso e dignità a quella forza vitale che è il lavoro per l’uomo. Il Covid-19 ha rimesso in discussione le priorità delle nostre vite e le categorie con cui eravamo abituati a comprendere la realtà: ed è proprio in questo momento di crisi l’occasione migliore per tornare a dare una dignità sociale ed economica al talento ed al sacrificio che ognuno di noi riversa nelle proprie attività lavorative, trovando il suo senso profondo nel primo articolo della Carta Costituzionale italiana che fonda la nostra Repubblica proprio sul lavoro. Il 2020 è stato caratterizzato dalle tante, troppe, false ripartenze che i cittadini non sempre hanno compreso spesso con la sensazione che ci fossero lavoratori di serie A e di serie B. Nel 2021 non possiamo più permetterci di parlare di “ripartenza”. Dobbiamo avere il coraggio di partire, finalmente, insieme, mettendo al centro dell’agenda politica italiana ed europea, il lavoro abbattendo le disuguaglianze che la pandemia purtroppo ha acuito nella società e tutto il cambiamento tecnologico che dovremo affrontare.

Lavorare non è solo fatica, come ci insegna la sua matrice latina, ma è il fare dell’uomo a servizio di uno scopo più alto, è la libertà di esprimere la propria intelligenza e talento sollevando l’anima proprio da quella fatica. Ostacolare il lavoro significa ostacolare la parte migliore di sé, ostacolare il futuro dei propri figli, ostacolare la crescita del proprio Paese.
Per oltre un anno abbiamo avuto tutti i giorni sotto gli occhi le immagini dei medici, degli infermieri, degli operatori sanitari e di tutti i volontari impegnati strenuamente alla lotta contro il virus e, negli ultimi mesi, alla più grande vaccinazione di massa della storia. Da loro abbiamo imparato che cosa significa il sacrificio e l’abnegazione. E’ quella l’Italia migliore, a cui dobbiamo ispirarci, e che rappresenta il vero Dna del nostro Paese.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News