Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 21 Aprile - ore 10.52

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Screening Covid-19, l'opposizione lericina: "Calibrare meglio l'indagine"

In commissione l'unanime soddisfazione per la campagna vaccinale. Palazzo civico chiede di mantenere l'attuale centro di somministrazione di San Terenzo anche per le prossime categorie.

La proposta

Golfo dei Poeti - Il Comune di Lerici chiederà all'azienda sanitaria, se possibile, di portare avanti le prossime fase della vaccinazione anti Covid-19 all'interno della palestra della scuola Mantegazza di San Terenzo, che, debitamente allestita, sta accogliendo le vaccinazioni degli ultra 80enni. Questo l'intendimento emerso l'altra sera in 'commissione Covid', circostanza nella quale c'è stato unanime apprezzamento per il funzionamento della macchina vaccinale lericina e per l'operato di volontari, Pubblica assistenza, Municipale, Carabinieri in congedo. Nel corso della commissione, dall'opposizione, in particolare dal consigliere Emanuele Nebbia Colomba (Noi Siamo il Golfo dei Poeti), è arrivata poi la proposta di calibrare diversamente la campagna di screening, a base di test antigenici rapidi, avviata dal Comune di Lerici, che nella sua prima mandata ha restituito 300 negativi su 300 testati. Il giovane consigliere del centrosinistra ha chiesto di valutare un utilizzo dei test “più utile in ottica rilevamento cluster, visto che, per una ragione di proporzioni numeriche – si contano in media 200 positivi ogni 100mila abitanti –, ci si poteva attendere di non trovare positivi su un campione relativamente ridotto”. Posizione condivisa da Giovanni Agnellini (Lerici sogna): “Occorre raddrizzare il tiro e cercare metodi di indagine più efficaci per stanare i positivi”. L'amministrazione, che attraverso il sindaco Leonardo Paoletti e l'assessore alla Sanità Alessandra Di Sibio ha sottolineato il rapporto di fruttuosa e costante collaborazione con Asl, non ha chiuso alle osservazioni dell'opposizione. “Ma per queste indagini – ha rilevato il primo cittadino – ci sono precisi protocolli da seguire e, come per i vaccini, se ne può discutere, e se ne discute, a livelli sovracomunali, ad esempio come Anci. Ma nelle occasioni in cui sarà possibile segnaleremo l'ipotesi di considerare variazioni”.

Sempre in merito allo screening comunale, l'assessore Di Sibio ha annunciato l'arrivo di mille tamponi orofaringei in luogo di mille test rapidi, spiegando poi che l'indagine, come annunciato nei giorni scorsi, si appresta a toccare i circa 300 adolescenti del territorio comunale ("manderemo una lettera alle famiglie") e a fare un secondo passaggio nelle scuole lericine.
E ancora, nel corso della commissione l'assessore all'Istruzione, Laura Toracca, ha fatto il punto sulle quarantene scattate alla scuola media, con il rientro in classe che si approssima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News