Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Martedì 27 Luglio - ore 22.36

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Sette sculture e otto tele per indagare le radici del territorio

"Dei liguri apuani la forma"
'Dei liguri apuani la forma', Carlo Bacci in mostra all'oratorio In Selàa

Golfo dei Poeti - “Dei liguri apuani la Forma” è la personale di Carlo Bacci che sarà inaugurata sabato 3 luglio, alle ore 21:00, all’Oratorio in Selàa di Tellaro.
Compongono la mostra, organizzata dal Comune di Lerici, sette sculture e otto tele, che rappresentano la sintesi del rapporto tra il territorio e chi lo abita, espresso attraverso una forte simbologia che percorre tutte le opere.
Sarà infatti possibile riconoscere la farfalla dorata, raffigurazione del fenomeno archeo-astronomico visibile tra maggio e luglio ai Monti di San Lorenzo, e il pennato, falcetto utilizzato dai liguri apuani per molteplici finalità, tutte vitali, come il lavoro e la difesa.
"Dedico questa mia personale alle nostre radici terrestri e marine. Ai nostri antenati che hanno vissuto, combattuto e difeso una lingua di terra, non definita dalle cartine geografiche, che si estende dal mar Ligure all'Appennino Tosco Emiliano alle Alpi Apuane: i Liguri Apuani – spiega l’artista Carlo Bacci -. Zappe, forconi, vanghe e pennati sono i protagonisti della parte terrestre della mostra. Gli oggetti della tradizione contadina, da sempre presenti nelle mie opere, consumati dall'usura e dal tempo, passano da oggetto a soggetto, diventando i veri protagonisti della mostra. Come una sorta di suggestione fanciullesca, le sculture diventano una compagine. Alte, slanciate e fiere raccolgono l'essenza della tenacia del Ligure Apuano, fino a evocare le statue stele della Lunigiana”.
La parte marina della mostra è raccontata sulle tele dal mare verticale, elemento ricorrente nella produzione artistica di Bacci: una sorta di extraterrestre primitivo, pescioide, con gambe e due bocche che si trasformano di volta in volta a seconda di quello che vogliono raccontare.
“Questo mare verticale, che chiamo Forma da più di 20 anni, si muove nel tempo e nello spazio con me, è la sintesi del rapporto tra il territorio e chi lo abita” conclude Bacci.
La mostra sarà visitabile, gratuitamente, fino al 30 luglio 2021.
Orario di apertura 21:00 – 24:00.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









VIDEOGALLERY

















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News