Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 24 Luglio - ore 21.20

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Riaperture dal 26 aprile. Precedenza a scuole e attività all’aperto

dopo 7 mesi di zone gialle, arancioni e rosse
Centro città, Corso Cavour

Fuori provincia - Si avvicina il momento delle riaperture. Più o meno nello stesso periodo dello scorso anno, quando tutta Italia, a piccoli passi, ricominciava a vivere dopo due mesi di lockdown stringente. Oggi, dopo 7 mesi di zone gialle, arancioni e rosse, alcune regioni chiedono di riaprire quasi tutto, anche nelle zone più a rischio dal punto di vista della diffusione del contagio. Un’ipotesi, questa, in realtà non percorribile, come chiarito dal Comitato tecnico-scientifico. Meglio la strada delle riaperture graduali.

Queste, come anticipato dal premier Mario Draghi in conferenza stampa, venerdì scorso, avranno luogo a partire da lunedì 26 aprile, data in cui torneranno le zone gialle e la possibilità, in queste, di spostamenti fra le regioni. Gli spostamenti tra regioni rosse e arancioni, invece, sarà consentito con una certificazione di vaccinazione avvenuta, covid contratto in passato o tampone negativo. Precedenza alle scuole e alle attività all’aperto, come bar e ristoranti che hanno la possibilità ai aprire a pranzo e a cena in zona gialla (ma il coprifuoco resterebbe comunque attivo dalle 22). Dal 1° giugno, invece, riapriranno le palestre, mentre a luglio via libera agli eventi fieristici.

Nei giorni scorsi la Lega aveva insistito per avviare le riaperture il prima possibile. «Se i dati sono da zona gialla – aveva detto al premier Draghi il capogruppo al senato Massimiliano Romeo – in alcune Regioni non capiamo perché non si possano allentare un po’ le restrizioni». E anche il Movimento 5 Stelle aveva affrontato la questione con Draghi. Per il partito di Vito Crimi è fondamentale «garantire alle aziende una prospettiva».

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia









VIDEOGALLERY

















Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News