Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Lunedì 17 Maggio - ore 11.27

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Fatti di Ceparana, Rifondazione: "Solidarietà a Leonardo"

La nota: "E' evidente che la presenza di organizzazioni di estrema destra in città e nelle scuole è pericolosa e si ripercuote sull’intera collettività con una violenza assolutamente inaccettabile".

"Noi antifascisti non staremo a guardare"
Comunisti

Cinque Terre - Val di Vara - "Nella provincia di Spezia da qualche anno non solo sono presenti organizzazioni che si rifanno al fascismo come Casapound e Forza Nuova, ma abbiamo anche una vera e propria cellula neonazista in parte smantellata nel 2017 dalle forze dell'ordine, ma evidentemente ancora attiva. L'aggressione è avvenuta a Ceparana nello stesso luogo dove aveva sede la cellula: il ragazzo è stato seguito e inseguito quando è rimasto solo, nel primo pomeriggio di lunedì e avrebbe dovuto sostenere un improbabile 4 contro uno se non fosse riuscito a svincolarsi. Questo é solo l'ultimo episodio di una serie di aggressioni avvenute nel territorio spezzino". La segreteria provinciale di Rifondazione Comunista interviene sul fatto di ieri accordando massima solidarietà a Leonardo, il ragazzo aggredito, dichiarandosi disponibile a qualsiasi azione che vorrà intraprendere: "Le organizzazioni dell'estrema destra dimostrano di esser ben radicate e strutturate; hanno locali commerciali dove attraggono giovanissimi con prezzi di alcolici fuori concorrenza, circoli "culturali" che in barba ad ogni limitazione di chiusura dettata dall'epidemia, rimangono aperti. Non basta esprimere solidarietà al ragazzo: è evidente che la presenza di organizzazioni di estrema destra in città e nelle scuole è pericolosa e si ripercuote sull’intera collettività con una violenza assolutamente inaccettabile. Noi antifascisti non staremo a guardare. I dirigenti scolastici devono affrontare seriamente la presenza delle organizzazioni di Blocco Studentesco e delle modalità in cui si muovono. Le ragazze e i ragazzi che subiscono aggressioni e discriminazioni anche solo verbali devono poter avere la certezza di essere creduti ed ascoltati, devono sapere che i delinquenti sono gli aggressori e non gli aggrediti. La resistenza a questo scempio deve partire da tutte le forze politiche e sociali interessate a difendere il territorio da inaccettabili organizzazioni".

(foto di repertorio)

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News