Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Venerdì 16 Aprile - ore 23.15

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Nessuno tocchi don Giulio, parte una petizione online

Il Comitato per gli immigrati e contro ogni forma di discriminazione si affida a Change.org: "E' stato pesantemente ripreso e minacciato di eventuali provvedimenti".

l'iniziativa
Don Giulio Mignani

Cinque Terre - Val di Vara - La vicenda di don Giulio Mignani a Bonassola sta facendo il giro mondo, nel frattempo dal Belpaese è partita una petizione online per sostenerlo a cura del Comitato per gli Immigrati e contro ogni forma di discriminazione. La frase del don: "Se non posso benedire le coppie formate da persone dello stesso sesso, allora non benedico neppure palme e ramoscelli d'olivo", recitata durante la domenica delle Palme, in questi giorni ha sollevato un polverone.
Non sono tardate le reazione e qualche giorno dopo l'accaduto è arrivato anche l'intervento della diocesi che concluse in una lunga lettera (l'integrale è
qui) inviata ai media annunciava "Su quanto avvenuto si sta valutando in merito nelle apposite sedi, a tenore della normativa canonica vigente".

L'ultimo capitolo arriva con la petizione proposta dal Comitato per gli Immigrati e contro ogni forma di discriminazione” e porta la firma di Aleksandra Matikj. La Petizione è accessibile a tutti, in poche ore ha raccolto 361 firme ( si può firmare
qui).
Nel testo si legge: "E' stato pesantemente ripreso e minacciato di eventuali provvedimenti dalla Curia della Spezia-Sarzana-Brugnato il Parroco di Bonassola e Framura nel Levante Ligure Don Giulio Mignani che si è rifiutato di benedire le palme come forma di protesta contro il documento della Congregazione per la dottrina della fede che vieta la benedizione delle unioni di coppie omosessuali. Don Giulio ha già spiegato: 'Credo in una chiesa profetica e capace di cambiare non perché trascinata dagli eventi della storia, come avvenuto in passato. Mi piacerebbe vedere una chiesa in grado di anticipare gli accadimenti, capace di dire che l'amore omosessuale non è peccato. So che non riuscirò a vederlo ma spero che un domani ci siano anche i matrimoni in chiesa per le coppie dello stesso sesso. Questa presa di posizione mia, di altri parroci e vescovi è una forma di amore per la chiesa che se non farà passi avanti perderà la caratteristica di madre accogliente'. Come coloro che lottano da anni a difesa dei diritti umani in Italia, vogliamo esprimergli il nostro pieno sostegno con questa petizione, la quale non soltanto darebbe un supporto morale a don Giulio ma impedirebbe alla curia di poterlo spostare dalla chiesa dove attualmente opera. Crediamo che questo gesto, di tutti noi uniti insieme, possa essere il minimo per la giusta Ribellione di chi, anziché isolare dalla nostra società, unisce le Persone che si amano, sostenendo così anche, e lo si voglia ricordare, quella che è la Costituzione italiana".

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News