Genova 24 La Voce del Tigullio Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
Telefono redazione La Spezia 0187 1852605
Fax redazione La Spezia 0187 1852515
PUBBLICITA'
Telefono pubblicita La Spezia 0187 1952682

Ultimo aggiornamento: Sabato 15 Maggio - ore 10.24

previsioni meteo la spezia
Facebook Città della Spezia Twitter Città della Spezia Instagram Città della Spezia

Il sacrificio di Borrotzu, che salvò settanta abitanti di Chiusola

Il ricordo del tenente nel centenario dalla nascita.

Il sindaco Marco Traversone

Cinque Terre - Val di Vara - La mattina del 5 aprile 1944 settanta abitanti del paesino di Chiusola di Sesta Godano, accusati dai nazifascisti di appoggiare partigiani e ribelli, vennero salvati dal volontario sacrificio del tenente Piero Borrotzu, torturato e ucciso sul piazzale della chiesa da un plotone della Guardia nazionale Rsi e dalle Ss. Con la Colonna Giustizia e Libertà Borrotzu aveva compiuto innumerevoli azioni di sabotaggio e di disturbo ai presidi nazifascisti in Val di Vara. Una delle Brigate partigiane 'Matteotti' della sesta zona operativa che libereranno Genova porterà il suo nome.
A lui è stata conferita la Medaglia d'Oro al valor militare per la Resistenza e la Laurea ad honorem dall'Università di Sassari, a lui sono dedicate tre scuole (due in Sardegna e una a Sesta Godano), una piazza alla Spezia e a Sesta Godano e una Via a Vezzano Ligure, paese nativo della mamma. Immancabile il ricordo dell'amministrazione comunale di Sesta Godano (nella foto, il sindaco Marco Traversone) ha ricordato i valoroso sacrificio del tenente Borrotzu, nato cent'anni fa, il 25 aprile 1921.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie La Spezia

























Testata giornalistica iscritta al Registro Stampe del Tribunale della Spezia. RAA 59/04, Conc 5376, Reg. Sp 8/04.
Direttore responsabile: Fabio Lugarini.
Contatta la redazione

Privacy e Cookie Policy
Impostazioni Cookie

Per la tua pubblicità su Cittadellaspezia sfoglia la brochure

Liguria News