Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Cultura e Spettacolo

L’Odeon è un foglio, Spezia riscopre la street poetry

I versi di "Un litro" riportano alla vita la storia dell'ex cinema.

Street poetry all'Odeon

La chiamano street poetry, ma è semplicemente poesia. Un fenomeno iniziato negli anni Sessanta, che oggi si ripropone alla Spezia sulla serranda dell’Odeon, dove sorgerà la mediateca.
“Un litro” è l’autore dei versi dedicati all’ex cinema, che in decine di occasioni ha anche ospitato le assemblee studentesche di alcuni istituti superiori spezzini, come ben ricorda la poesia.
Niente a che vedere con le tag dei writer, nulla da spartire con la rivendicazione del territorio o con la grafomania. E’ l’esplosione della poesia nell’ambito urbano, il bisogno di comunicare un messaggio, utilizzando ogni supporto. Questa volta è la saracinesca del vecchio Odeon, lasciato al degrado in attesa dell’inizio dei lavori per la sede della mediateca regionale. La prossima volta chissà.
Sono performance diurne, quelle di “Un litro”, che non si nasconde per paura di essere sorpreso dalle forze dell’ordine, ma semplicemente si interrompe e se ne va, se qualcuno ha qualcosa da ridire.
Il suo è un messaggio di amore per la poesia, che vorrebbe potesse invadere ogni angolo del tessuto urbano, per ricordare agli abitanti, ai lavoratori, agli amministratori, in una sola parola ai lettori, che la città è fatta di luoghi, non di posti.
Luoghi che con il lavoro di “Un litro” ritornano all’attenzione degli spezzini, con il loro messaggio di vita.

Il cinema in sala

Decolla serranda s’entra a destra
testardi accolti dilettanti ed allora
l’Odeon prima di tutto teatro
di sogni spartisce lezioni sincere
è il parco giochi, ma anche l’amico fedele
un cinema che non vuole per forza
la gente zitta a sedere
durante proiezioni gli ormoni
svaniscono in locandine sbiadite
nessun biglietto prezza il sipario
la tenda spessa e poi la sala
Odeon mattine di gala
sotto l’insegna fumar mal di testa
che stile la scritta e pur la vetrata
dai bagni le scale salgono il palco
e mica piccioni, bensì piccionaia
polvere nuvola di poltrone pieghevoli
spontaneo colore passione all’interno
e bianco bianco futuro all’esterno.

Un litro

Più informazioni