Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
"le radici avranno un ruolo simbolico"

Costa Group a Cibus, la prima fiera che parla di food italiano a riaprire i battenti

L'azienda spezzina a fine agosto sarà a Parma nello spazio "Horeca The Hub": "Racconteremo sostenibilità e la ricerca, i nostri valori fondanti".

Cibus 2018

Costa Group, azienda specializzata nella progettazione e arredamento di locali pubblici legati alla ristorazione, con sede a Riccò del Golfo sarà protagonista dell’edizione 2021 di Cibus, la vetrina principale per operatori e professionisti del settore agroalimentare italiano. Appuntamento a Parma nella grande area dedicata per quella che sarà la prima fiera che parla di Food Made in Italy a riaprire i battenti. Non poteva certo mancare l’azienda guidata dai fratelli Franco e Sandro Costa, che vanta oltre 5.000 realizzazioni in tutto il mondo e numerose collabo razioni con i più importanti brand del settore Food e Retail. Dal quartier generale della Val Graveglia, dove prendono forma idee e progetti che diventano esempi del fare italiano in ogni angolo del pianeta, all’appuntamento nella città ducale che prenderà il via il 31 agosto e proseguirà il prossimo 3 settembre. I visitatori e i buyer che interverranno potranno incontrare una serie di itinerari durante i quali saranno accompagnati alla scoperta del territorio e delle specificità regionali attraverso soste presso gli stand delle aziende partecipanti, momenti di degustazione e showcooking..

Costa Group sarà presente all’interno dello spazio “Horeca The Hub” – Dolcitalia che raggruppa alcune delle imprese più rappresentative del mondo “Food & Beverage” come Redbull, Dobler, Pepsico, Borilla, Elah Novi, Mondelez, Icecube, Perfetti Crik Crok, F.lli Polli e Flamini. “Poiché la nostra passione ha delle radici profonde e caratterizza la nostra storia, questo occasione è ghiotta per rappresentare i valori di Costa Group da sempre impegnata in prima linea per la sostenibilità e la ricerca, nel rispetto primario del lavoro – si legge in una nota dell’azienda -. Ringraziamo Cibus e Fiere di Parma che ci hanno voluto inserire in uno spazio cosi importante. Saranno proprio le radici ad avere un ruolo simbolico nel nostro spazio, non saranno solo un elemento decorativo, ma un qualcosa di molto più profondo. Victor Hugo disse «Fate come gli alberi: cambiate le foglie, ma conservate le radici. Quindi, cambiate le vostre idee ma conservate i vostri principi». La radice é solida, caparbia, è il punto di inizio, è la base di partenza (ed oggi più che mai di ripartenza) per ciascuno di noi e origine del nostro futuro. Da questa ripartenza prendiamo il volo verso il domani”.

Più informazioni