Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Attualità

Scuola, la guerra dei numeri e l’ok a Moderna per i ragazzi

Il ritorno alle lezioni vuole essere in presenza e il sistema è in moto per accelerare le vaccinazioni per il personale scolastico e per gli studenti.

Il vaccino di Moderna

“Il dato riportato dal Ministero dell’ Istruzione in merito agli operatori scolastici che in Liguria hanno ricevuto almeno una dose di vaccino non è corretto e più volte Alisa ha chiesto che venga aggiornato con la giusta percentuale, superiore all’80%. Una parte dei soggetti appartenenti alla categoria, infatti, dopo che è stato vaccinato o è stato registrato per fascia d’età o ha aderito ad un open day o è stato inserito tra gli allergici o ultrafragili, senza quindi dichiarare l’appartenenza alla categoria degli operatori scolastici. Secondo l’incrocio con gli elenchi forniti dal Ministero tramite il sistema Tessera Sanitaria, il dato più preciso e aggiornato alla data odierna è quindi superiore all’ 80%. Dopo aver comunicato la cifra esatta al Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ci aspettiamo che venga aggiornato nel più breve tempo possibile”. Così il presidente di Regione Liguria e assessore alla Sanità Giovanni Toti sulle vaccinazioni agli operatori scolastici. “Il mese di agosto sarà cruciale e ci aspettiamo che tutte le persone che gravitano intorno al mondo della scuola aderiscano alla campagna vaccinale per permettere agli studenti di ripartire a settembre in sicurezza – ha detto ancora il presidente Toti -. Anche i ragazzi stanno capendo l’importanza delle vaccinazioni e ricordiamo che a loro abbiamo messo a disposizione una linea di prenotazione dedicata che gli consentirà di avere priorità nelle vaccinazioni dall’8 agosto”.

Nel frattempo questa mattina la commissione tecnico scientifica di Aifa ha approvato l’estensione di indicazione di utilizzo del vaccino Spikevax (Moderna) per la fascia di età tra i 12 e i 17 anni, accogliendo pienamente il parere espresso dall’Agenzia europea per i medicinali (Ema). Secondo Aifa, infatti, i dati disponibili dimostrano l’efficacia e la sicurezza del vaccino anche per i soggetti compresi in questa fascia di età.