Quantcast
Opere abusive su due spiagge, Comune ordina demolizione - Citta della Spezia
A fiumaretta

Opere abusive su due spiagge, Comune ordina demolizione

Dopo il ricorso al Tar di Marinella Spa, proprietaria di due terreni interessati, l'amministrazione ha dato 90 giorni di tempo ai due stabilimenti.

Foce del Magra e litorale di Fiumaretta

“Demolizione, a proprie scura e spese, delle opere abusive, ripristinando lo stato dei luoghi entro il termine di novanta giorni”. È quanto contenuto nell’ordinanza emessa lo scorso 19 luglio dal responsabile dell’area urbanistica del Comune di Ameglia nei confronti degli stabilimenti balneari Tropicana e Marina di Fiumaretta, dopo il ricorso al Tar presentato da Marinella Spa.
La società in liquidazione infatti imputa all’amministrazione comunale di non aver provveduto a dare seguito al procedimento avviato dall’ente nel maggio 2020 per la demolizione di due manufatti degli stabilimenti ricadenti, in parte, su aree di proprietà della Marinella. Già in quell’occasione i due titolari, difesi dall’avvocato Piera Sommovigo, avevano presentato un altro ricorso contro il piano degli arenili in quanto avrebbe previsto per le loro attività un dispendioso “arretramento” che avrebbe reso necessario o l’acquisto di o l’affitto di terreni della società. Il Comune nel luglio dello scorso anno – con il piano non ancora attuato – aveva quindi bloccato il provvedimento aprendo di fatto una situazione di stallo che a giugno 2021 ha spinto Marinella Spa a rivolgersi al Tar avendo necessità di vendere i propri terreni che non possono essere alienati finché permangono le due opere abusive.
La mossa della società, che si è riservata anche l’ipotesi di chiedere un risarcimento danni al Comune, ha spinto l’ufficio a diffidare i gestori che sono pronti a ribattere chiedendo una sospensiva al Tar che potrebbe esprimersi a ridosso delle prossime elezioni amministrative amegliesi.