Quantcast
LA REDAZIONE
Scrivici
PUBBLICITÀ
Richiedi contatto
Colori e purezza dell'amore universale

Ventuno tavole e una serigrafia inedita per Francesco Musante

A Manarola si terrà la mostra "Segni e parole incontrate in notti sparse nel tempo” che aprirà i battenti il 7 agosto e durerà fino al 22.

Francesco Musante

E’ tutto pronto a Manarola per ospitare la nuova mostra di Francesco Musante. Location dell’esposizione sarà la galleria Calandra Arte di Via Discovolo a Manarola, con la quale l’artista ligure collabora da tempo. L’esposizione si terrà a partire dal 7 agosto e proseguirà fino al 22 dello stesso mese: conterà 21 tavole e una serigrafia inedita. L’evento è patrocinato dal Parco nazionale delle Cinque Terre.
In una nota si legge: “L’artista da sempre si riconosce nella pratica del disegno, fin da bambino utilizza colori e penne per esprimere la sua visione infantile e magica del mondo. Oggi, nelle sue tavole – così come nelle sue serigrafie o nei suoi acquerelli – ritroviamo questa atmosfera di spontaneo amore per le cose del mondo quotidiano. Per Musante trovarsi davanti ad un foglio bianco significa avere l’opportunità di navigare tra ricordi di una felicità passata, non sempre con un atto di consapevole ragione: le immagini che affiorano sono sempre una sorpresa anche per l’artista stesso. Musante inizia sempre da un piccolo segno per poi lasciare che la mente e la mano producano il loro tracciato accogliendo con incoscienza il pensiero immediatamente successivo e seguendo con trasporto, e senza paura, le immagini che gli vengono in sogno. Poi, senza esitazione, riempie di colori accesi e sgargianti le sue figure. Colori che aiutano a dare profondità alle tante forme che si sono create ma anche ai pensieri che le hanno partorite”.
“Per Musante l’opera potrebbe non finire mai, fino a quando non riesce a togliere lo sguardo e rileggere le esperienze coltivate, gli amori perduti e i luoghi che lo hanno accolto e cresciuto – prosegue la nota -. Così nasce anche Un brindisi, un sorriso, i nostri cuori vicini e un tramonto d!arancia in questa felice sera a Manarola, piccola serigrafia di una veduta di Manarola. Anche qui, l’artista spezino riesce a conferire forza narrativa ritraendo in maniera totalmente intimistica ed emotiva uno dei luoghi in cui è ospite. Seppur trasfigurando la vista della piccola cittadina, troviamo una Manarola ancor più colorata e illuminata, in una calda serata d’estate, popolata e goduta dai suoi consueti personaggi. L’iperdecorativismo che sfiora i confini dell’horror vacui, i colori incandescenti e il segno rapido e determinato delle forme e delle parole descrivono e rappresentano la cifra stilistica dell’artista, ma sono proprio i personaggi che abitano le sue tavole a rendere inconfondibili le atmosfere oniriche e sognanti in cui si trovano. Personaggi fluttuanti che si rincorrono costantemente da un modo all’altro, tra cieli notturni e stellati, pieni di lune brillanti, cuori colorati che rimbalzano da un lato all’altro del dipinto e case sospese sugli alberi. Simboli che rimandano alla purezza e all’amore universale che pervade non solo gli esseri umani ma anche il paesaggio e gli oggetti che lo incontrano. È un amore incontaminato che non ha a che fare con il romanticismo, piuttosto è quell’amore capace di ribaltare la visione del mondo e cambiarne le sorti. Nei dipinti di Musante, sebbene ci sembri di cogliere similitudini narrative tra una tavola e l’altra, ciascun lavoro appartiene ad una suggestione differente. Sono di certo i titoli e le didascalie ad orientarci e a fornirci uno strumento e una traccia in questo complesso groviglio di favole. Racconti senza fine che non hanno un vero filo conduttore e un senso logico ma che trascinano con ironia il suo spettatore nel mondo spensato della fanciullezza”.

La mostra di Francesco Musante oltre al patrocinio del Parco Nazionale delle Cinque Terre, si avvale della collaborazione di aziende produttrici del territorio come la Cantina 5 Terre e Nessun Dorma Food&Wine Manarola. Il taglio del nastro si terrà il 7 agosto alle 18 e resterà aperta fino alle 21. Nei giorni successivi la mostra sarà visitabile dal lunedì alla domenica, dalle 10.30 alle 19.30.

(foto: repertorio)